FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
RedHat 6.0, un altro passo verso la diffusione di Linux

21 Giugno 1999

RedHat 6.0, un altro passo verso la diffusione di Linux

di

RedHat 6.0 include le due interfacce grafiche KDE 1.1.1 e Gnome 1.0 che avvicinano Linux ai classici sistemi operativi a finestre come Windows oppure MacOs.

La RedHat Software ha rilasciato la versione 6.0 della propria distrubuzione di Linux. La software house, ormai famosa per le numerose implementazioni (si veda ad esempio il formato RPM per le installazioni, il Disk Druid che permette di partizionare i dischi per l’utilizzo con Linux, ed il supporto per i più importanti processori: Intel/AMD, Compaq Alpha, and Sun SPARC, presto disponibile anche per PowerPC) che hanno permesso anche ai neofiti un più facile accesso a questo sistema operativo, rilascia una versione di Linux che sicuramente fa un grosso passo avanti per portare questo sistema operativo anche nelle case dell’utente medio.

RedHat 6.0 include le due interfacce grafiche KDE 1.1.1 http://www.kde.org e Gnome 1.0 http://www.gnome.org che sicuramente avvicinano molto Linux ai classici sistemi operativi a finestre come Windows oppure MacOs. Questa nuova versione implementando il supporto per l’SMP (simmetrical multi-processor), permette di utilizzare fino a 4 processori, cosa molto utile se si pensa alle attuali richieste di risorse di sistema soprattutto per i server.

Installare la versione 6.0 oggi è anche più facile, infatti RedHat Software offre 30 giorni di supporto telefonico per aiutare i nuovi utenti nell’installazione, in modo che tutto proceda senza intoppi. Il crescente numero di applicazioni, la rinomata stabilità e potenza di Linux e l’implementazione delle nuove tecnologie, stanno confermando che questo sistema operativo può essere una valida alternativa agli attuali server NT e MacOS, infatti la maggioranza dei server Internet girano su un computer con installato Linux oppure Unix (il sistema operativo commerciale da cui prese spunto Linus Torvalds per creare Linux). Adesso è anche possibile scaricare direttamente da Internet i pacchetti da installare, in modo da risparmiare prezioso spazio su disco.

Un’altra novità molto importante è la presenza del nuovissimo kernel 2.2, che supporta un gran numero di nuove periferiche hardware e di tecnologie. Il pacchetto originale di RedHat viene distribuito in 3 Cd Rom che contengono anche Star Office, Applixware e IBM’s ViaVoice. Una versione aggiornata di GTK permette adesso di creare molto più facilmente applicazioni per Linux; sono anche state aggiornate le librerie Glibc, giunte oggi alla versione 2.1.

Nel 1998 Linux è stato il sistema operativo che si è diffuso di più per quanto riguarda l’utilizzo server, crescendo del 212% rispetto all’anno precedente, e guadagnando il 17% in più per quanto riguarda le vendite. Tutto questo è stato reso possibile dal’opera di sensibilizzazione compita dai numerosissimi LUG (Linux User Group) e dal supporto offerto dalle più importanti società che si occupano di hardware e di software (Compaq(r), Computer Associates, Corel, Dell, Hewlett-Packard, IBM, Intel, Netscape, Novell, Oracle(r) and SAP(r)).

Non dobbiamo dimenticare che Linux al momento è utilizzato da più di 10 milioni di persone in tutto il mondo, quindi sicuramente il supporto tecnico e gli aiuti non mancano se si ha qualche problema nell’utilizzo; è importante però che molte più persone si rendano conto della potenza di questo sistema operativo, e l’unico modo per rendere tutto questo possibile è continuare nella strada che si sta perseguendo, cioè quella di rendere più accessibile e facile da usare questo sistema operativo, in modo che oltre a soddisfare le esigenze delle aziende e dei server, possa essere un buon prodotto anche per l’utilizzo dimestico.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.