Home
Record cinese: in cinque mesi chiusi 90 mila cyber cafè

17 Ottobre 2002

Record cinese: in cinque mesi chiusi 90 mila cyber cafè

di

Negli ultimi cinque mesi, la Cina ha raggiunto un ragguardevole record negativo: è riuscita a far chiudere 90 mila cyber cafè.
Una bella cifra se si pensa che il totale è di 200 mila e, curiosa, anche la scusa: migliorare la sicurezza dopo l’incendio che ha distrutto uno di questi locali e la morte di 24 ragazzi.

La spiegazione vera è nelle parole del ministro della Cultura, che parla di soli 46 mila cyber cafè registrati presso le autorità sui 200 mila esistenti.
Dunque, l’epurazione continuerà con ispezioni fino a fine anno.

Dicevamo che queste chiusure e una regolamentazione più ristretta su questi locali collegati a Internet, ufficialmente, sono fatte per migliorare la sicurezza (spesso sono in locali fatiscenti, proprio per sfuggire alle censure delle autorità). In realtà, fanno parte delle misure restrittive mese in atto per porre un freno alla fuga di notizie giudicate “sediziose”.

Secondo una recente legge, i proprietari di questi locali sono ritenuti responsabili delle pagine consultate dai clienti. La stessa legge, poi, vieta agli internauti di creare, scaricare, copiare, inviare, diffondere o anche consultare contenuti considerati anticostituzionali, o che possano recare danno all’unità nazionale o alla sovranità e integrità territoriale della Cina.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.