Home
Rappresentazioni artistiche del cyberspazio

12 Ottobre 2000

Rappresentazioni artistiche del cyberspazio

di

All'interno dell'Atlante del Cyberspazio, suggestiva raccolta di tentativi di mappare il nuovo universo della Rete.

“Cyberspazio. Un’allucinazione vissuta consensualmente ogni giorno da miliardi di operatori legali, in ogni nazione, da bambini a cui vengono insegnati i concetti matematici… Una rappresentazione grafica di dati ricavati dai banchi di ogni computer del sistema umano. Impensabile
complessità. Linee di luce allineate nel non-spazio della mente, ammassi e costellazioni di dati. Come le luci di una città, che si allontanano….” con queste parole William Gibson nel celebre romanzo Neuromante conia il termine cyberspazio, e contemporaneamente ne dà la prima rappresentazione artistica.

All’interno dell’Atlante del Cyberspazio, suggestiva raccolta di tentativi di mappare il nuovo universo della Rete, una delle pagine più affascinanti è costituita proprio dalle rappresentazioni artistiche. La raccolta comprende citazioni letterarie, opere di computer grafica e soprattutto
film, a partire dal celebre Tron, del 1982, che rappresentava l’interno del computer come un’arena in cui i programmi si affrontano in sfide mortali.

In tempi più recenti due film, “Johnny Mnemonic” e “Hackers” hanno tentato di rappresentare il cyberspazio rifacendosi alla visione di Gibson.
La serie dei film è conclusa dal recente Matrix, uno dei più grandi successi del 1999. Non viene citato il film italiano Nirvana (http://www.nirvana.it), anche lui basato su atmosfere Gibsoniane, che propone una interessante visione del Cyberspazio come “luogo mentale”.

Due segnalazioni sono dedicate ad autori più decisamente sperimentali: Marcos Novak, un innovativo “transarchitetto” di Los Angeles, e Mark Napier, autore di Shredder, un bizzarro browser che decostruisce le pagine web e le ricompone in curiosi collage.

Interessante e non esplorato dall’Atlante del Cyberspazio è poi tutto l’universo dei precedenti storici: parlando di rete si potrebbe arrivare fino ai labirinti delle cattedrali gotiche o della mitologia greca, mentre la cartografia dei secoli passati potrebbe fornire spunti affascinanti sul
tema della mappatura di mondi inesplorati.

Rappresentazioni artistiche del Cyberspazio:
http://www.museoscienza.org/museovr/cybergeography/artistic/artistic.htm

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.