FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Quicktime 4.0: audio streaming ed MP3

24 Maggio 1999

Quicktime 4.0: audio streaming ed MP3

di

La nuova versione del celeberrimo software per la riproduzione di dati multimediali non è un semplice "major upgrade", ma un programma totalmente innovativo che ora offre anche la funzionalità di audio streaming e di lettura dei file MP3.

Circa due settimana fa Apple a messo a disposizione per il download una versione beta di Quicktime 4.0, l’ultima release del suo celeberrimo software per la riproduzione di dati multimediali.

Il salto dalla versione 3.0.2 alla 4.0 non è casuale dal momento che, come avremo occasione di vedere subito dopo, non si tratta di un semplice major upgrade ma di un programma totalmente innovativo e “differente”.

Tutto questo si nota fin dall’installer, definito “intelligente: ci si scarica il semplice file di setup dal ftp di Apple (circa 350k), lo si esegue e, dopo aver completato la richiesta sul tipo di installazione da effettuare (Basic, Deluxe, ecc.), verranno prelevati dalla Rete tutti i componenti necessari. Da notare che ogniqualvolta si necessiti di un elemento mancante (mettiamo, per esempio, un decompressore software) l’installer si lancerà automaticamente chiedendo se si voglia recuperarlo da Internet.

Anche l’interfaccia è totalmente rinnovata: non più una comune finestra come un comune programma, ma una sorta di frontalino da hi-fi con tanto di manopola per il volume (davvero carina!), tasto play, tasto pausa e due piccoli pulsanti sul lato destro, rispettivamente uno per ottenere informazioni sul file che si sta eseguendo, e l’altro per far apparire un vero e proprio equalizzatore, da far invidia a quello che avete nella vostra auto!

Ma la vera novità di Quicktime 4.0 è l’audio streaming, la possibilità, cioè, di trasmettere ed ascoltare file sonori in tempo reale, proprio come fa RealPlayer. Tuttavia, chiunque di voi abbia provato il programma della RealNetwork, di sicuro non sarà rimasto eccessivamente soddisfatto dalle sue prestazioni: tra “net-congestions”, traffico sulla Rete e lentezza nella risposta, il file che vogliamo ascoltare spesso arriva sul nostro computer “mutilato”o in ogni modo a pezzi.

Quicktime Streaming promette di ovviare a tutto questo o almeno in parte: per quanto si tratti ancora di una versione beta, cosa che non ci permette di esprimere giudizi definitivi, i risultati, per quanto ho potuto constatare dalla mia connessione con modem analogico (un comune 56.7 bps), non sono affatto deludenti. Certo, suoni e immagini non scorrono fluidi come se leggessimo un file dal disco rigido, ma si tratta di una tecnologia avanzata e che promette bene.

Altra chicca di Quicktime 4.0 è la possibilità di riprodurre gli MP3. Tuttavia un fastidioso difetto che gli ingegneri Apple dovranno preoccuparsi di risolvere nella versione finale, è quello che si verifica quando si lancia un’applicazione mentre Quicktime Player è in riproduzione. In questi casi, infatti, il documento MP3 che stiamo suonando si interrompe, per riprendere subito dopo. Un difetto del sistema operativo (non ancora, purtroppo, in multitasking prelazionale), che però si spera possa essere aggirato.

Oltre alla versione per Macintosh e PowerMacintosh, sul sito di Quicktime (http://www.apple.com/quicktime) sono disponibili le versioni per Windows 95, 98 ed NT, ma c’è da attendersi anche una versione per Linux o altri sistemi operativi, visto che il formato Quicktime 4 è stato assunto come standard per la definizione del nuovo MPEG-4.
Data di rilascio? Probabilmente l’estate, luglio 1999 o presumibilmente in concomitanza con il MacWorld Expo, ma in questo senso non si è espressa alcuna voce ufficiale da parte di Apple.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.