FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Quei gruppi chiusi

18 Febbraio 2008

Quei gruppi chiusi

di

Quel che si dice in Rete. Aggregazione e collaborazione nelle community online. M'illumino di meno, serve davvero? InnovAction a Udine, arriva l'era della conoscenza

Aggregazione contro collaborazione. Dopo il lancio della community di Men Style, Palmasco riflette sul significato della collaborazione e si chiede se strumenti simili non siano troppo chiusi verso l’esterno. Alberto D’Ottavi interviene spiegando il suo punto di vista sulle scelte editoriali, e Mafe De Baggis osserva come, nonostante siano state date le possibilità di apertura, gli utenti abbiano preferito le dinamiche di aggregazione.

M’illumino di meno. O no? Blimunda promuove l’iniziativa “M’illumino di meno” con un post molto particolare, mentre Axell e Suzukimaruti spiegano perché, dal loro punto di vista, impegnarsi a spegnere le luci per un giorno sia inutile.

L’innovazione a Udine. Luca De Biase commenta le parole di Riccardo Illy alla presentazione di InnovAction a Udine, sottolineando l’importanza dei temi trattati. Ma il blog di uno qualsiasi è critico sulla effettiva utilità della manifestazione.

La Bielorussia smantella le Lan. Sergio Longoni racconta di come in Bielorussia gli utenti si siano organizzati per condividere le connessioni, e di come le autorità stiano cercando di porre un freno a questa pratica.

Addio a Bobby. Tom Stardust racconta dell’abbandono di Bobby, tool utile per misurare l’accessibilità dei siti web, e, in attesa di nuovi sviluppi, consiglia soluzioni alternative.

L’informazione medica in Rete. MediaMeter riporta e commenta i dati di una rivista medica, che confutano alcuni luoghi comuni sull’informazione medica via Internet.

Il regista che conversa. Luca Conti analizza una sua esperienza di conversazione con il regista di un film che ha recensito. La Rete serve anche a questo.

I computer ovunque. David Orban spiega il significato e l’importanza del cloud computing.

Cloverfield esce dallo schermo. Tambu riflette sulla pervasività mediatica di Cloverfield, il discusso film di J.J. Abrams.

Il mistero della hostess. Un video che mostra una hostess nell’atto di spogliarsi nella cabina di pilotaggio di un aereo genera discussioni a non finire su internet e tra i media. È una bufala o no? Paolo Attivissimo prova a fare chiarezza.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.