Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Prove poco risolutive per lo standard 3G cinese

24 Giugno 2005

Prove poco risolutive per lo standard 3G cinese

di

Lo standard di telefonia 3G (terza generazione) sviluppato e sostenuto dalla Cina si è rivelato poco efficace in occasione di recenti prove

A riportare la notizia è il quotidiano asiatico China Daily.

Secondo China Daily, che cita una fonte ben informata del settore, i chip sviluppati per la tecnologia TD-SCDMA non sono affatto efficaci per alcune applicazioni tipiche della 3G, come il download di file musicali o la videoconferenza.

Nel corso di queste prove, i chip TD-SCDMA sviluppati in Cina hanno dimostrato di funzionare soltanto per la gestione delle chiamate e per inviare SMS, afferma il quotidiano asiatico.

Questi chip si sono rivelati molto “meno efficaci” anche nel caso di invio di messaggi multimediali, per la videofonia e per scaricare e leggere file musicali, sempre secondo il quotidiano.

Prove effettuate l’anno scorso si erano già rivelate poco soddisfacenti, ma i difensori dello standard TD-SCDMA avevano affermato che i prodotti e le attrezzature di rete sarebbero stati pronti per una messa in commercio prevista nel corso dell’anno 2005.

La Cina si sta impegnando nello sviluppo dello standard TD-SCDMA per evitare di dovere pagare diritti agli sviluppatori dei due principali standard mondiali, CDMA 2000 e WCDMA.

Pechino deve attribuire quest’anno delle licenze di telefonia 3G e i sistemi di terza generazione dovrebbero essere costruiti attorno alle norme CDMA 2000 e WCDMA, ma numerosi osservatori ritengono che Pechino chiederà a uno o più produttori di sviluppare un sistema parzialmente o interamente progettato sulla TD-SCDMA.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.