Home
Pronti alla collisione

11 Settembre 2008

Pronti alla collisione

di

Quel che si dice in Rete. Il Large Hadron Collider entra in funzione al Cern di Ginevra. L'esperimento parte bene e il passo in avanti per la scienza sembra, già da adesso, lunghissimo. E il buco nero? Solo tanto rumore che toglie valore a una notizia importante

Il Large Hadron Collider è finalmente partito. L’esperimento del CERN di Ginevra ci aiuterà a scoprire moltissimo sulla natura della materia e dell’energia. Ma in Italia sembra facciano notizia solo le congetture su improbabili buchi neri, come osserva il direttore di Le Scienze Marco Cattaneo, che loda l’impegno e la dedizione dei giovani scienziati che stanno partecipando all’esperimento. OdiAmore riflette su come comunicare la scienza e su quanta competenza sia necessaria per farlo correttamente. L’esperimento parte, anche se, come spiega Beppe Caravita, per le prime collisioni bisognerà aspettare. Dario Salvelli ha seguito le prime, emozionanti fasi dell’accensione, e nota come anche Google festeggi simbolicamente l’ottimo inizio. E i catastrofisti che preannunciavano la fine del mondo? Quelli non hanno azzeccato nemmeno la data, spiega Keplero. In ogni caso, se succedesse qualcosa, secondo Mashable, sarà Twitter a comunicarcelo.

Gli altri temi del giorno:

Gmail Labs aggiunge qualche novità alle feature in prova del client di posta. I Googlisti raccontano di cosa si tratta.

Un iPhone, il ricevitore Gps e un social network. Ecco tutto quello che potrebbe servire (a parte qualche limite) per una applicazione di augmented reality. Ne parla Leandro Agrò.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.