FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Processo Microsoft-UE: la Corte valuta le conseguenze del ritiro di Novell e CCIA

01 Dicembre 2004

Processo Microsoft-UE: la Corte valuta le conseguenze del ritiro di Novell e CCIA

di

Il Presidente della Corte europea di prima istanza, che deve decidere l'appello di Microsoft contro le sanzioni imposte dall'Unione europea, ha tenuto nei giorni scorsi una riunione tra tutte le parti coinvolte nel procedimento, per valutare gli aspetti procedurali legati all'abbandono delle due parti

Novell e Computer and Communications Industry Association (CCIA) hanno rinunciato a proseguire nella causa contro Microsoft, avendo raggiunto accordi transattivi che garantiscono loro un congruo indennizzo.

Voci non ufficiali parlano di 20 milioni di dollari da versare alla CCIA; mentre l’8 novembre Microsoft aveva accettato di versare 536 milioni di dollari a Novell.

La sola azienda, dunque, a rimanere ferma sulle proprie posizioni nella guerra europea contro la società di Redmond è RealNetworks, produttrice di Real Player, software diretto concorrente di Media Player.

Il procedimento di appello, come è noto, si riferisce alle sanzioni decise dalla Commissione europea per la concorrenza contro Microsoft. Oltre a dover pagare un’ammenda di circa 500 milioni di euro, la software house di Redmond è stata obbligata a dare accesso alle tecnologie Windows ai concorrenti, allo scopo di favorire e ottimizzare l’interoperabilità dei software terzi, in particolare in materia di server.

A Microsoft è stato inoltre imposto di commercializzare una versione di Windows XP “epurata” del lettore multimediale Windows Media Player.

La riunione convocata dal giudice Bo Vesterdorf ha coinvolto non soltanto le parti ancora presenti nel procedimento, ma anche quelle che si sono ritirate. Tom Brookes, portavoce di Microsoft, ha comunicato che la decisione unanime è stata nel senso che le testimonianze rese da testi indicati da Novell e CCIA manterranno valore ufficiale. Stesso trattamento per le memorie depositate dalle due società.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.