Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Presentato il dispositivo basato su fotonica in silicio più veloce al mondo

19 Febbraio 2004

Presentato il dispositivo basato su fotonica in silicio più veloce al mondo

di

La possibilità di realizzare un modulatore fotonico (fibra ottica) veloce dal silicio standard potrebbe portare allo sviluppo di connessioni in fibra ottica ad ampia larghezza di banda, a costi estremamente contenuti

I ricercatori Intel hanno suddiviso un fascio di luce in due fasci separati mentre attraversava il silicio, quindi hanno utilizzato un nuovo dispositivo, simile a un transistor, per colpire un fascio con una carica elettrica, provocando uno “sfasamento”.

Quando i due fasci di luce vengono ricombinati, lo sfasamento provocato tra i due bracci fa accendere e spegnere la luce che esce dal chip a una velocità superiore a 1 gigahertz (un miliardo di bit di dati al secondo), ossia 50 volte più elevata di quella prodotta in precedenza sul silicio. Questo modello di on e off di luce può essere tradotto nelle sequenze di 1 e 0 necessarie per la trasmissione dei dati.

“Si tratta di un passo avanti significativo verso lo sviluppo di dispositivi ottici in grado di trasferire i dati all’interno di un computer alla velocità della luce – ha spiegato Patrick Gelsinger, Senior Vice President e Chief Technology Officer di Intel -. Questa è la tipica innovazione che si diffonde nel settore nel corso del tempo, rendendo possibile lo sviluppo di altri tipi di dispositivi e applicazioni. Potrebbe portare a una maggiore velocità di Internet, alla realizzazione di computer a elevate prestazioni, molto più veloci, alla diffusione di applicazioni ad ampia larghezza di banda ecc.”.

L'autore

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.