Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Pornografia infantile e libertà d’espressione: una recente pronuncia della Corte Suprema degli Usa

29 Aprile 2002

Pornografia infantile e libertà d’espressione: una recente pronuncia della Corte Suprema degli Usa

di

Detenere e diffondere immagini virtuali di minori in atteggiamenti sessuali non costituirà più un reato. La Corte Suprema americana ha stabilito che non esiste un nesso di causalità tra immagini create ad arte e abusi su minori. Il dibattito resta, però, ancora aperto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha recentemente dichiarato illegittimo un articolo della legge sulla prevenzione della pornografia infantile, il Child Pornography Prevention Act (CPPA) – adottato dal Congresso americano nel 1996 – che prevede una pena dai cinque ai quindici anni di reclusione per chi “distribuisce o possiede immagini virtuali raffiguranti bambini in posizioni sessuali”.

I giudici della Corte hanno motivato la decisione sostenendo che la disposizione in questione deve ritenersi troppo vaga e non conforme al primo emendamento della Costituzione americana che tutela la libertà di espressione. Tale mancanza di chiarezza, si legge ancora nella sentenza, potrebbe condurre all’incriminazione degli autori di immagini che non hanno ad oggetto “realmente” dei minori e all’indebita censura di certe forme di espressione artistica.

William H. Rehnquist, giudice della Corte Suprema, in aperto contrasto con i suoi illustri colleghi, ha, però, sostenuto che anche le immagini virtuali costituiscono un pericolo, in quanto contribuiscono indirettamente alla promozione della pedofilia.

Molto spesso, infatti, non è per nulla semplice distingue tra le immagini create artificiosamente al computer e le foto che raffigurano realmente dei minori.

Nonostante la decisione della Corte Suprema, perciò, non sono cessate le polemiche e permangono tutte le difficoltà connesse ai tentativi degli organi giudiziari americani di tutelare adeguatamente sia i diritti delle persone e, in particolare, dei minori, sia la libertà d’espressione costituzionalmente garantita.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.