FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Più interesse per la sicurezza delle transazioni mobili

21 Dicembre 2001

Più interesse per la sicurezza delle transazioni mobili

di

Cresce sempre di più il numero di operatori del settore che aderiscono al MeT.

Cresce sempre di più il numero di operatori del settore che aderiscono al MeT (Mobile electronic Transaction), un’iniziativa che ha lo scopo di creare un ambiente comune per transazioni mobili sicure. Di recente è stato annunciato che sono diventate ormai 55 le società che aderiscono all’iniziativa, a testimonianza di quanto siano sentiti i problemi posti dalla crescita continua del commercio mobile. Il MeT, promosso inizialmente da Ericsson, Nokia e Motorola, si propone di incoraggiare e diffondere l’interoperabilità e la sicurezza delle transazioni mobili. L’esistenza di un comune ambiente per il commercio mobile è considerato il fattore chiave per un suo sviluppo di massa.

In meno di un anno d’esistenza, il MeT ha già prodotto le specifiche 1.0 sulle funzionalità dei terminali per il commercio mobile. Attualmente sono in corso di definizione le specifiche 1.1, che offriranno a produttori di terminali e fornitori di servizi una piattaforma comune per sviluppare servizi sicuri di commercio mobile. Saranno introdotti test di conformità alle specifiche e test d’interoperabilità.

Il MeT generalmente non promuove nuovi standard, ma si basa su quelli già esistenti, promovendo e coordinando la loro diffusione. In particolare supporta lo sviluppo del WAP (Wireless Application Protocol), di ECML (Electronic Commerce Modeling Language), di WTLS (Wireless Transport Layer Security), di TLS (Transport Layer Security), di WIM (Wireless Identity Module), di PKI (Public Key Infrastructure) e degli standard di connessione locale, come ad esempio Bluetooth.

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.