FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Phishing e worm: pirati informatici scatenati

22 Settembre 2005

Phishing e worm: pirati informatici scatenati

di

Mentre Websense lancia l’allarme per la crescita del numero di attacchi phishing alle banche europee, F-Secure segnala un nuovo pericolo "Bagle"

La minaccia phishing, che finora sembrava incombere soprattutto sugli istituiti bancari americani, sta dilagando pericolosamente anche in Europa. Ad affermarlo sono i Websense Security Labs che hanno rilevato oltre 20 attacchi phishing indirizzati a banche europee in un esiguo lasso di tempo.

Storicamente, il numero di istituti bancari Europei presi di mira dai pirati informatici è sempre stato inferiore rispetto a quello del Nord America. Un trend che sembra destinato a cambiare, dal momento che, per la prima volta in un breve periodo, sono significativamente aumentate le “vittime” anche nel nostro continente. E sembra che siano proprio le banche italiane e spagnole ad aver registrato il numero maggiore di attacchi phishing.

Le modalità di attacco sono ormai note: una e-mail destinata a un utente della banca mette in allarme l’ignara vittima, invitandola a cliccare su un link per verificare i dati e proteggersi da possibili attacchi fraudolenti. Ed è proprio cliccando su quel link che la vera frode viene messa in atto: l’utente viene infatti reindirizzato a un sito di phishing, cadendo vittima dell’attacco!

I laboratori di ricerca F-Secure, invece, hanno segnalato una nuova variante del worm Bagle: si tratta della versione Bagle.BI, che si sta rapidamente diffondendo attraverso i sistemi di posta elettronica.

Il pericolo si cela dentro allegati in formato ZIP con nomi quali newprice.zip, price_09.zip o price2.zipche a loro volta contengono un file infetto di 35 Kb denominato “text.exe”.

I passati attacchi di Bagle e delle sue diverse varianti hanno spesso causato danni non indifferenti a chi ne è stato colpito: i laboratori di ricerca F-Secure sono comunque all’erta per monitorare costantemente la situazione e le possibili conseguenze e hanno già messo a disposizione l’update Antivirus per rimuovere il worm.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.