FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Parsons, neo PDG di AOL: Abbiamo imparato la lezione per aver promesso troppo

20 Maggio 2002

Parsons, neo PDG di AOL: Abbiamo imparato la lezione per aver promesso troppo

di

Duro l’impegno di Richard Parsons, nuovo PDG di AOL Time Warner: rivitalizzare America Online (AOL) e “restaurare la credibilità” del gruppo presso gli investitori, a fronte di una caduta del 40 % del valore dell’azione dall’inizio dell’anno.

Dunque, Parsons parte dal presupposto che AOL è una “vera attività e altamente redditizia”, dichiarazione fatta durante la sua prima apparizione davanti agli azionisti della società a New York.

I dirigenti del gruppo “lavorano duramente per far riprendere questa attività e sono convinto nel fatto che noi ci arriveremo”, ha aggiunto.

AOL, numero uno al mondo nel campo dei servizi Internet, è considerato il motore della crescita del nuovo gruppo dopo la fusione con Time Warner, anche se si è sgonfiato in questi ultimi mesi al punto da portare gli investitori a dubitare sulla fusione.

Nel primo trimestre del 2002, AOL ha continuato a crescere nella base di abbonati, fino ad arrivare alla considerevole cifra di 34,6 milioni, ma ha visto scendere le rendite da pubblicità del 31 %.

Il nuovo PDG, succeduto a Gerald Levin, da anche una strigliata ai dirigenti AOL sottolineando la necessità di ristabilire la loro credibilità, non facendo più promesse che non possono mantenere.

“Abbiamo imparato la lezione per aver promesso troppo – ha spiegato Parsons – e non lo dimenticheremo più”.

La direzione di AOL, infatti, aveva spinto sulla fusione ribadendo a più riprese ambiziosi obiettivi di fatturati e di risultati, cosa che hanno dovuto rivedere al ribasso.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.