Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Palm Simulator per Palm OS 5

23 Gennaio 2003

Palm Simulator per Palm OS 5

di

Palm ha rilasciato la prima versione del simulatore per Palm OS 5

Perché Palm OS 5

Alcuni tra ultimi modelli dei palmari di Palm sono stati costruiti su una nuova architettura hardware e software.
Mentre prima si utilizzava un’architettura dotata di processore Motorola Dragonball VZ a 33 MHz, gli ultimi modelli, in particolare il Tungsten T, sono invece basati su tecnologia ARM con processore Texas Instruments da 144MHz.
Il salto generazionale nell’architettura hardware è stato lo spunto per la realizzazione di un nuovo sistema operativo che offre significativi miglioramenti dal punto di vista della personalizzazione, la sicurezza dei dati, la multimedialità e l’accesso wireless.
Naturalmente non è stato trascurato l’aspetto della compatibilità con il software per Palm OS già esistente, tale compatibilità è ovviamente garantita.

Perché un simulatore

Chi sviluppa su PC software ed applicazioni per dispositivi diversi dalla piattaforma di sviluppo sa benissimo quanto sia importante poter vedere l’applicazione durante la fase di sviluppo ed effettuare all’occorrenza operazioni di debug e di test del codice sviluppato.
La presenza del Palm Emulator, capace di emulare l’architettura basata su processore Motorola, è fondamentale per lo sviluppo di applicazioni robuste, queste possono essere testate a fondo sull’emulatore senza doversi preoccupare più di tanto di effettuare ogni volta il packaging ed il deploy sul dispositivo reale.

Simulatore e non emulatore

La versione per Palm OS 5 è un simulatore e non un emulatore.
Mentre il Palm Emulator emula, appunto, l’hardware dell’architettura Palm basata su processore Motorola e su questa è possibile far girare una qualsiasi ROM dotata di OS fino alla 4.1, con il simulatore le cose cambiano radicalmente.
Si tratta, in questo caso, del codice del sistema operativo OS 5 compilato direttamente per la piattaforma di emulazione, cioè il PC. Non si emula più l’hardware, ma il sistema operativo, indipendentemente dall’hardware che lo farà girare.
Si tratta, come è facile intuire, di un radicale cambiamento nel modo di pensare l’emulazione (o la simulazione che sia).

Architettura

Come si può vedere in figura il simulatore è dotato di un doppio strato di astrazione in grado di rendere completamente indipendente il Core Palm OS (il kernel del sistema operativo) dall’hardware e dalle periferiche installate.
Il tutto è corredato anche da uno strato di emulazione, il PACE, in grado di permettere alle “vecchie” applicazioni Palm OS 4 di girare senza problemi sul nuovo OS.

Dove trovarlo

Il tutto è scaricabile, cercheremo, nei prossimi articoli, di installarlo, farlo girare e di capirne meglio il funzionamento.

L'autore

  • Massimo Canducci
    Massimo Canducci lavora per Engineering Ingegneria Informatica come Technical Manager della Direzione Ricerca e Innovazione. Si occupa di nuove tecnologie e architetture web.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.