REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Open Spectrum, il nuovo paradigma wireless

31 Gennaio 2003

Open Spectrum, il nuovo paradigma wireless

di

Non è una nuova tecnologia, ma un nuovo approccio alla gestione dell'etere. Sulla filosofia del Wi-Fi e oltre, negli Stati Uniti un movimento sempre più numeroso punta a creare un sistema di comunicazione in grado di dotare tutti di banda praticamente infinita e gratuita.

Dimenticate le gare per le licenze dell’UMTS, dimenticate le corse per accaparrasi le frequenze. Spectrum Wants to Be Free, titola un articolo uscito recentemente su Wired per raccontare questo nuovo movimento di idee dell’era digitale. Il principio di base non è nuovo in Rete, anzi è forse il più radicato e potente: condivisione!

Open Spectrum è la proposta di aprire al pubblico dominio lo spettro di frequenze utilizzate per la trasmissione di onde elettromagnetiche. I sostenitori di questo nuovo modello dell’etere sono sempre più numerosi e raccolgono adesioni in molti settori (salvo quello delle telecomunicazioni evidentemente!).

Questa nuova concezione della trasmissione via etere sarebbe l’unica vera strada per realizzare un sistema di ubiquitous computing in cui ogni microprocessore diventi un trasmettitore wireless. La rivoluzione sarebbe già cominciata. Il Wi-Fi è infatti la strada per la realizzazione di questo nuovo mondo mobile.

Il Wi-Fi utilizza già fette di spettro “aperte” e questa è la ragione per cui la presenza di molti nodi vicini può arrivare a creare un ambiente anche molto esteso connesso.
Il Wi-Fi infatti ha una capacità che va oltre i muri dell’edificio in cui è installato, al punto che più sistemi concomitanti possono creare un’area, anche molto ampia, totalmente connessa. Le prestazioni sono note, dagli 11 megabits al secondo. L’attivazione di tanti sistemi Wi-Fi dappertutto è in grado di creare una copertura molto più potente è completa di qualsiasi altro sistema. Una specie di network che si espande viralmente in cui ogni nodo potrebbe diventare router per il sistema. E potrebbe funzionare anche dove non c’è densità di installazioni perché, come pochi sanno, il Wi-Fi può arrivare, senza problemi, a coprire un raggio di 20 km.

Già oggi gli utenti Usa del wi-fi, che sono milioni, mettono in parte già in pratica questo principio. Alcuni sono collegati a reti wireless all’interno di aziende; altri si connettono a pagamento ma parecchi si collegano agli “hot spots” gratuiti messi a disposizione dalle comunità wireless per la condivisione delle risorse.

Le frequenze radio sono inoltre evolute tramite la tecnologia digitale e ora diversi utenti contemporaneamente possono utilizzare la stessa banda senza interferire e non devono per forza avere parti predefinite e chiuse dello spetto. Con le nuove onde radio intelligenti (“smart radio”) lo spazio delle comunicazioni si è moltiplicato.

Le interferenze inoltre sarebbero ormai solo un problema ideologico, in quanto tutte le apparecchiature odierne sono capaci di filtrare il rumore dal segnale, e l’unico modo per tutelare veramente la sicurezza è criptare il segnale che si trasmette.

Da qui nasce il movimento per l’Open Spectrum cioè la liberalizzazione delle frequenze che parte dagli utenti e che vuole mettere fine, tramite la condivisione dello spettro, all’etere privatizzato dalle aziende telefoniche, dalle società televisive e dai militari. Il più acceso sostenitore di questo movimento è Kevin Werbach, noto per aver ascritto per anni, con Esther Dyson, “Release 1.0”, newsletter sui temi della tecnologia digitale. Ma i sostenitori si moltiplicano e per nulla limitandosi agli ambienti cosiddetti underground della Rete.

Il movimento per la liberalizzazione dello spettro di frequenze di trasmissione sta cercando adesioni in ogni campo e anche una solida sponda politica. Il capo della FCC Michael Powell (che oltre a essere una potenza per la sua posizione è anche il figlio del ben noto Colin) si è reso disponibile verso l’approfondimento del progetto Open Spectrum durante un discorso tenuto in un conteso industriale ufficiale lo scorso ottobre.

Michael Powell ha detto pubblicamente che la normativa sull’assegnazione delle frequenze dovrà essere completamente ripensata perché le “smart radio” stanno facendo cadere tutti i dogmi che fino a ieri regolavano il mondo dell’etere.

Werbach sostiene che il Wi-fi è solo l’inizio di una nuova era delle telecomunicazioni. Siamo di fronte, secondo il movimento Open Spectrum, a una rivoluzione che muterà radicalmente, ancora una volta, il nostro modo di comunicare.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.