OFFERTA DEL GIORNO

Machine Learning con Python in ebook a 6,99€ invece di 24,99€

Risparmia il 72%
Home
One Laptop Per Child vince per appiattimento

27 Marzo 2014

One Laptop Per Child vince per appiattimento

di

Il progetto di un portatile per ogni bambino avrebbe esaurito la spinta propulsiva. Rimane da fare, ma il principio si è affermato.

Dopo otto anni di sviluppo tra perplessità e autentiche invenzioni, sembra che il progetto del portatile da cento dollari propugnato da Nicholas Negroponte del Massachusetts Institute of Technology sia arrivato a fine corsa.
Almeno è l’impressione che traspare da un articolo intitolato Addio One Laptop per Child pubblicato su OLPC News e nel quale si descrive una situazione di sostanziale abbandono:

Con l’hardware ben oltre l’aspettativa di vita prevista, la difficoltà di trovare parti di ricambio e zero supporto da parte dell’organizzazione One Laptop per Child, è tempo di guardare in faccia la realtà. Il portatile XO-1 è storia. Tristemente vale anche per Sugar. […] OLPC Boston è completamente sparita. Niente personale, niente consulenti, neanche un ufficio fisico. Da tempo Nicholas Negroponte si è spostato sul progetto di alfabetizzazione globale X-Prize.

La notizia è in parte sensazionalistica (tanto che ha ricevuto risposta) e in parte fondata. OLPC è ancora attiva a Miami e si occupa ancora di consegne importanti del portatile in nazioni come Costa Rica, Perù, Ruanda e Uruguay. Ha anche concesso una licenza commerciale a Sakar/Vivitar per la produzione di una tavoletta XO.
One Laptop per Child è nata sul sogno di Negroponte di portare l’informatica ai bambini poveri del mondo. E l’ha portata, tra l’incredulità di molti scettici. Certo erano qualcosa in più dei cento dollari simbolici, ma è stato un successo. Un’interfaccia originale e innovativa, la carica a mano, il funzionamento in mezzo alla polvere e alla povertà, a quel prezzo; nessuno ci credeva, è accaduto.
Contemporaneamente, tutti è una parola grossa. I portatili prodotti sono attorno a due milioni e mezzo. Una goccia nel mare. Comprensibile che Negroponte abbia deciso di puntare a un bersaglio più grosso, anche perché i geni, più avanza l’età, più allargano la portata dei loro piani.
Del resto sono arrivate le tavolette. Nella sola Thailandia il programma ne ha piazzate centinaia di migliaia in pochi mesi, a meno di cento dollari. Missione compiuta, pensa un Negroponte, e si sposta su una sfida successiva. Lo schermo piatto è il portatile definitivo.
Senza togliere valore al sorriso e all’entusiasmo di quei due milioni e mezzo di bambini, che magari raddoppiassero domani, con ogni mezzo, anche senza il marchio OLPC. Certamente senza OLPC News, che ha chiuso i battenti settimana scorsa.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.