ULTIMI 3 POSTI

Corso LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Nuove promesse per Linux nel desktop e tra i palmari

08 Aprile 2002

Nuove promesse per Linux nel desktop e tra i palmari

di

Al via due prodotti assai attesi: KDE 3.0 nell'ambiente desktop e Zaurus SL-5500 di Sharp tra i PDA

L’inizio della primavera e di questo mese è stato contrassegnato dal lancio di due importanti prodotti direttamente connessi allo sviluppo open source. Primo, è arrivata la versione finale di KDE 3.0, il noto ambiente desktop per Linux e Unix, allargando il fronte commerciale e intensificando la sfida a Windows. Secondo, sbarca negli USA il modello Zaurus SL-5500 di Sharp (basato su Linux) che promette di sbancare tra i PDA.

Nel dare il lieto annuncio della nuova release, il KDE Project si fa prendere giustamente dall’entusiamo, aprendo così la press release: “Il 3 aprile è stato rilasciata a terza generazione del più importante desktop per Linux/UNIX, offrendo alle enterprise, ai governi, alle scuole e alle aziende una ottima soluzione gratuita e aperta per l’ambiente desktop.” Inutile nascondere come si tratti di un update assai atteso dentro e fuori il mondo open source, viste le promesse degli sviluppatori in tale ambiente nonché l’agguerrita rincorsa ai top del settore. Proprio riguardo a questi ultimi, ovvero Windows XP e Mac OS X, la novità di rilievo riguarda innanzitutto l’interfaccia grafico di KDE 3.0, altrettanto potente, funzionale e user-friendly. Insieme all’ampliamento del supporto per file multimediali e delle modalità di installazione e configurazione per applicativi, dispositivi e periferiche. In particolare si è rinnovato non poco Konqueror, browser e file manager integrato in KDE, che ora accetta nuovi standard, inclusi JavaScript e DHTML, ed ha incrementato il supporto per HMTL 4.0, XML 1.0, CSS 1 e 2, SSL nonché per i plug-in di Netscape, compresi quelli di Windows, dal Macromedia Shockwave Player al Windows Media Player 6.5. Contemporaneamente, la funzione di file manager di Konqueror consente la visualizzazione dei dati specifici relativi a svariati file, tipo i commenti delle immagini JPEG, oltreché la rapida possibilità di attivare l’anteprima dei file multimediali. Tra i vari aggiornamenti tecnici presenti troviamo inoltre la nuova versione di KMail, il client e-mail POP3/IMAP e KOffice 1.1.1, la suite per ufficio compatibile con il formato XML. Senza dimenticare l’ampia raccolta di ‘bug fixes’, di miglioramenti nelle prestazioni e di nuove funzionalità ad hoc.

La versione beta è già in distribuzione all’interno di alcuni pacchetti Linux, tra cui spicca la versione Mandrake 8.2, e troverà presto integrazione nelle imminenti release di SuSE Linux 8.0 e Turbolinux. Dino Brusco, vicepresidente per il marketing di quest’ultima, ha anzi chiarito: “Vista la domanda dei nostri clienti, KDE sarà l’ambiente desktop di default delle nostre workstation.” Positivi anche i primi commenti del mondo industriale, tra cui quello di Bernd Kosch, dirigente di Fujitsu Siemens Computers: “Sono in crescita gli elementi per la creazione di un’affidale desktop Linux desktop, e KDE 3.0 rappresenta un passo importante verso tale meta.” Intanto la versione completa è in libera distribuzione (sotto la licenza open source e in vari formati binari) nel sito di KDE, e può essere ovviamente ordinata anche su CD-ROM. Il successo del KDE Project dovrà comunque superare quanto prima un’altra prova del fuoco, sulla scia della rampante rivalità che va animando il settore, a tutto vantaggio dell’utenza. Ovvero le bordate del diretto sfidante, GNOME 2.0, altra produzione open source in gran voga, in arrivo per i primi di maggio.

Altro annuncio importante di questi giorni riguarda la diffusione sul mercato statunitense (e quanto prima anche in quello europeo) del primo modello di PDA (Personal Digital Assistant) basato su Linux pronto a insidiare il predominio dei primi della classe, PocketPC e l’ultima generazione dei Palm. Secondo la definizione della stessa azienda, lo Zaurus SL-5500 di Sharp “offre di tutto, comunicazioni e multimedia mobili, tastiera integrata ed espansione doppia per arrivare ad una delle soluzioni PDA più versatili e flessibili presenti oggi sul mercato.” Anticipato da parecchi mesi, l’apparecchio costa sui 500 dollari e gira sostanzialmente sul sistema operativo Embedix di Lineo, a sua volta basato sul kernel di Linux 2.4. L’ambiente desktop risulta così analogo al Windows, inclusa la capacità di riprodurre file audio-video e di navigare tranquillamente sul Web grazie alla versione Linux del noto browser Opera. Pur non rinunciando quindi agli optional di alto gradimento, si è mantenuto un occhio di riguardo per le doti di essenzialità ed elasticità, onde non appesantire inutilmente il sistema (e le prestazioni generali).

Non mancano infatti opzioni e applicativi già tipici dei migliori palmari in circolazione — calendario, rubrica, editor RTF, orologio, e molti altri — mentre il pacchetto software incluso offre compatibilità con i programmi della suite MS Office (Word, Excel e Outlook). Last but not least, Zaurus è dotato della tastierina QWERTY con coperchio a scorrimento efficacemente integrata nel corpo dell’apparecchio, la quale non occupa praticamente spazio e consente un metodo di scrittura alternativo a quello di Palm Graffiti, comunque disponibile. Un prodotto, quindi, che si propone “potente, flessibile, mobile”, come recita lo slogan scelto per il lancio, e su cui Sharp è decisa a puntare parecchio. Lo dimostra tra l’altro l’imminente lancio di appositi servizi wireless, Sharp Mobile Services, mirati in particolare ai professionisti e raggiungibili grazie ad una scheda-modem da inserire nel palmare e presto in commercio.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.