Home
Novità dall’Icann: quasi validi i primi due nuovi domini

09 Novembre 2004

Novità dall’Icann: quasi validi i primi due nuovi domini

di

L'Icann, Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, pare sul punto di convalidare i domini .travel e .post, i primi due di una lunga serie. Erano infatti dieci le domande di creazione di nuovi domini Internet avanzate dai più svariati sostenitori: gruppi industriali, pubbliche amministrazioni, consorzi ecc.

I nomi di dominio Internet potrebbero presto arricchirsi di due nuove estensioni. La settimana scorsa l’Internet Corporation for Assigned Names and Numbers(Icann), l’organismo incaricato a livello mondiale del controllo dei nomi di dominio, è infatti entrato in fase di negoziato commerciale e tecnico con due dei molti candidati per la creazione di nomi di dominio di primo livello sponsorizzati: gli sponsored Top-Level Domain o sTLD che dir si voglia.

Questi futuri nomi di dominio potenziali riguardano i “.travel” e “.post”. Richiesto e caldamente spalleggiato dal The Travel Partnership Corporation, un gruppo che riunisce i colossi industriali del settore del viaggio appositamente creato per la messa in atto del nome di dominio, “.travel” sarà riservato ai professionisti del viaggio: agenzie di viaggi, tour operator, compagnie aeree, hotel, agenzie di noleggio auto, ecc.. Il “.post”, invece, è stato richiesto dall’Universal Postal Union (UPU), un organismo rappresentativo di 190 servizi postali nel mondo.

Se l’Icann dovesse decidere, come pare sul punto di fare, di validare queste nuove estensioni, “.post” e “.travel” dovrebbero vedere la luce nel 2005, portando l’Internet Corporation for Assigned Names and Numbers a “governare” su un reame di circa 250 nomi di dominio.

Intanto, restano altre otto estensioni in corso di trattamento, in attesa di essere validate. Si tratta di “.asia” per le imprese asiatiche; “.cat” per i siti Web in lingua catalana; “.jobs” per le agenzie di recruting e ad altri servizi legati alle risorse umane; “.mail” per i siti di lotta antispam; “.mobi” per l’industrie dei telefoni cellulari; “.tel” per la telefonia su IP e “.xxx” per l’industria della pornografia.

Nel 2000, l’Icann aveva già approvato la creazione di sette domini generici (info, museum aero, biz, name, coop e pro) venuti a rafforzare l’esercito dei “.com”, “.org” e “.net”. Riassumendo, dunque, l’Icann gestisce già più di 250 estensioni, la cui maggioranza è dedicata alle nazioni (come il “.it”) attraverso il ccTLD (country code TLD).

Icann: al via un restyling completo

Intanto l’Icann pensa anche a se stesso e prepara un piano strategico allo scopo di ridefinire gli obiettivi e il proprio funzionamento per i tre anni futuri (2005-2007). Si tratta, sostanzialmente, di mettersi al pari con le costanti evoluzioni del mondo Internet.

Una prima proposta finale sarà presentata nel corso del mese di gennaio 2005, mentre la versione finale del piano dovrebbe essere presentata tra febbraio e marzo 2005. Anche se il piano si riferisce al funzionamento dell’Icann per i tre prossimi anni, sarà comunque aggiornato ogni anno proprio in funzione dell’evoluzione della Rete.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.