RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Norvegia: sotto inchiesta gli autori di un sito Internet anti-Bush

25 Novembre 2004

Norvegia: sotto inchiesta gli autori di un sito Internet anti-Bush

di

Un gruppo rap norvegese, i Gatas Parlament, potrebbe andare incontro ad azioni giudiziarie per avere creato un sito Internet satirico contro il presidente americano George W. Bush, la cui URL www.killhim.nu significa, letteralmente, "uccidetelo ora".

L’ambasciatore americano in Norvegia ha denunciato il gruppo Gatas Parlament (che significa “Parlamento di Strada”) “per avere minacciato il presidente americano”, appena rieletto per il suo secondo mandato alla Casa Bianca.

“Uccidere quest’uomo non è soltanto questione di autodifesa, ma la sola cosa ragionevole da fare”, era lo slogan del sito Internet, oscurato dalla polizia di Oslo.

Si tratta, in realtà, della parodia di un altro sito Internet norvegese, tellhim.no, che ha raccolto fondi per una campagna pubblicitaria diffusa negli Stati Uniti e indirizzata a George W. Bush, per informarlo che la maggioranza dei norvegesi è contraria alla guerra in Iraq.

Le lettere “no” costituiscono il suffisso Internet per la Norvegia (top level domain, TLD). Il suffisso “nu”, ugualmente utilizzato da alcuni siti nordici, significa “ora” in Norvegese; da qui tutto il gioco di parole utilizzato dai tre rapper, che hanno lanciato l’idea di “www.killhim.nu” durante un concerto a fine ottobre. E sempre su killhim.nu, i Gatas Parlament avevano rivolto un appello agli utenti a raccogliere fondi per mettere una taglia sulla testa di George W. Bush. “Naturalmente, si trattava di satira”, ha precisato il gruppo.

“L’ambasciata americana, però, non ci ha trovati per nulla divertenti, ci ha denunciati per minacce di morte e vuole metterci in prigione per 12 anni”, hanno dichiarato i rapper.

La polizia norvegese ha comunicato che sta indagando sulla questione e che interrogherà i membri del gruppo prima di prendere la decisione di accusarli, eventualmente, di minacce. Rischiano fino a due anni di reclusione (e non dodici, come sostiene invece il gruppo).

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.