ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Nizza, capitale mondiale dell’accessibilità per due giorni

03 Aprile 2003

Nizza, capitale mondiale dell’accessibilità per due giorni

di

Il 27 e il 28 marzo si è svolto a Nizza, in Francia, un convegno di due giorni dedicato a tutti gli aspetti legati all'accessibilità. Scarsa la partecipazione italiana.

Nel corso del convegno si è parlato di accessibilità a 360° gradi: accessibilità applicata alla domotica, al trasporto, alla telefonia mobile, al 3G, al Web e agli standard. Vi hanno partecipato 300 persone provenienti da tutto il mondo, venuti per assistere alle conferenze tenute dai massimi esperti del settore.

L’evento è stato organizzato da CEN, European Committee for Standardization, CENELEC, European Committee for Electrotechnical Standardization ed ETSI, European Telecommunications Standards Institute; con la partecipazione della Commissione Europea e dell’Efta, European Free Trade Association. Per due giorni, a Nizza, si sono incontrati tutti i protagonisti e gli esperti internazionali del settore, si è parlato solo ed esclusivamente, di accessibilità, ma in un modo nuovo.

Accessibilità come nuovo criterio progettuale universale, come cultura, come concetto super partes destinato a integrarsi in tutti gli aspetti della vita quotidiana in modo spontaneo ed efficace, migliorando la vita di ogni cittadino, semplificando le interazioni uomo-macchina, favorendo le prestazioni e le possibilità di comunicare, muoversi e interagire con gli altri e con l’ambiente circostante. Questo il messaggio riassuntivo di due giorni intensi di conferenze e interventi di altissimo livello.

Per la prima volta il centro delle discussioni non sono stati i disabili e le loro limitazioni, ma le tecnologie e le potenzialità che offrono per migliorare la qualità della vita. Un ribaltamento di prospettiva ancora forse poco proponibile in Italia, dove il fulcro della questione ancora non è lo sviluppo tecnologico, bensì il sostegno ai disabili e la ricerca delle modalità d’integrazione.
Siamo a uno step precedente e, forse, a un approccio all’accessibilità ancora immaturo, dove è difficile scalfire il binomio disabile-accessibilità e cancellare la stigmatizzazione che la nostra società ancora attribuisce a queste tematiche.

Di cosa si è parlato? Si è parlato molto di una “comunicazione totale”, ovvero di un 3G che abbraccia le esigenze di tutti gli utenti, in cui la telefonia diventa una risorsa insostituibile per la comunicazione e l’integrazione completa di tutti i cittadini. La tecnologia sarà presto in grado di offrire una gamma di servizi tali per cui nessuno potrà più considerarsi escluso o “disabile”, incapace di utilizzare le nuove tecnologie, perché la tecnologia sarà in grado di rispondere a qualsiasi esigenza di comunicazione e integrazione: il video, il testo, la voce ed il tatto saranno nuovi elementi di interazione, in modo da permettere uguali opportunità a tutti i cittadini. Anche un sordo potrà telefonare con un video telefono che converte la voce in testo o mostra il video con la comunicazione gestuale; e un cieco potrà inviare SMS grazie a nuovi dispositivi.

Il design incentrato sull’utente, nucleo e protagonista della rivoluzione tecnologica dell’accessibilità, raggiunge, così, la propria maturità, proponendo agli utenti una molteplicità di soluzioni per una massima semplicità d’uso e un’efficace integrazione e interazione.

L’altro concetto che è emerso con forza durante gli interventi dei relatori, è stata la necessità di definire degli standard e dei formati europei per migliorare l’applicazione e la diffusione delle nuove tecnologie accessibili, affinché la ricerca e lo sviluppo non vengano a scontrarsi e a essere ostacolati proprio da incompatibilità e punti di partenza sostanziali. La necessità che è stata sottolineata da più parti è di unire le ricerche e le forze al fine di ottenere un unico standard che favorisca lo sviluppo e la ricerca tecnologica.

I relatori del convegno sono stati personaggi di chiara fama internazionale, di seguito mi permetto di citarne qualcuno, senza nulla togliere a coloro che non appaiono in questa breve e tutt’altro che esaustiva, presentazione. Fra i nomi di spicco, Karl Heinz Rosenbrock, direttore generale dell’ETSI (European Telecommunications Standards Institute); Cynthia D. Waddell, ICDRI (US), una delle massime esperte del settore; Knut Nordby, Telenor (NO); Gottlobe Fabisch, segretario generale dell’ANEC – European Association for the Co-ordination of Consumer Representation in Standardisation (BE); John Gill, RNIB Royal National Institute for the Blind (UK); Georg Hongler, segretario generale al CEN; Prof. Hajime Yamada, Toyo University (JP); Loïc Martinez Normand, SIDAR Foundation (ES); con la partecipazione straordinaria del Commissario Europeo Liikanen per la chiusura dei lavori.

Un dato che decisamente merita una riflessione è la bassa partecipazione italiana: sebbene da mesi, finalmente, l’argomento stia raccogliendo l’attenzione dei mass media e dei politici, grazie anche all’Anno Europeo dei Disabili e nonostante la vicinanza geografica della sede del convegno, la partecipazione nazionale è stata davvero bassa, con soli quattro partecipanti, fra cui un commissario dell’Unione Europea, un imprenditore, un relatore e la sottoscritta. Molto più numerosi i partecipanti nipponici, statunitensi, britannici, spagnoli e di tutte le altre nazionalità.

Indubbiamente, coloro che non hanno potuto partecipare hanno perso una delle panoramiche e delle visioni sull’accessibilità più innovative e all’avanguardia, con scenari che, purtroppo, sono ancora molto lontani dalla realtà italiana.

La conferenza è ormai conclusa; è stata forse un’occasione mancata per molti professionisti: la speranza è che questa esperienza crei, almeno, il giusto interesse per un confronto produttivo ed efficace con il resto del mondo. Che è davvero più avanti.

Copyright (c) 2003 (GNU/FDL License)
This article is under the GNU Free Documentation License, Verbatim copying and distribution of this entire article is permitted in any medium, provided this notice is preserved.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.