Home
Nigeriani frodavano risparmiatori con falsi siti bancari

02 Ottobre 2002

Nigeriani frodavano risparmiatori con falsi siti bancari

di

In Sud Africa smantellata una rete di frodi bancarie su Internet. A tirare le fila una gang di nigeriani.

Questi avevano rastrellato molti milioni di rand (centinaia di migliaia di dollari) attraverso falsi siti Internet che imitavano grandi istituzioni finanziarie sudafricane e africane.

I nigeriani arrestati sono ventidue e tra questi il capo, Samuel Williams già condannato a 12 anni di prigione per frode.
Sono stati presi dalla dall’unità “Scorpion” della polizia sudafricana in tre riprese.

Le vittime, per la maggior parte residenti fuori dal Sud Africa, erano invitate a depositare fondi su dei falsi siti che simulavano quelli della Banca centrale sudafricana (SA Reserve Bank) o la Banca di Sviluppo dell’Africa australe (Development Bank of Southern Africa).

Su sito della Reserve Bank, dovevano versare l’equivalente di 10 mila dollari per i diritti di registrazione e poi 40 mila dollari per tasse e premi di assicurazione prima di procedere al deposito di investimento. Una delle vittime aveva già versato 2 milioni di rand, pari a 200 mila dollari.

Due falsi siti sono stati chiusi dall’unità Scorpion, ma sono ancora aperti altri cinque siti: la Continental Bank of Africa, la Full Trust Bank, Afritrust Bank, la Chartered Investment Trust Bank e la Eagle Bank Limited.

I siti fanno apparire immagini dei veri siti bancari e i numeri telefonici riportati sono dei “transiti” a numeri di corrispondenti in Nigeria, Gran Bretagna o Stati Uniti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.