Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Niente più prepagate nel futuro mobile

01 Febbraio 2002

Niente più prepagate nel futuro mobile

di

Niente più offerte stracciate per attrarre nuovi utenti, niente più promozioni per chi spende poco con il cellulare. È la nuova tendenza dei colossi europei della telefonia mobile, secondo quanto scrive il Wall Street Journal. In altre parole, l’adolescente che vive di squilli o il pensionato che ha il cellulare solo per ricevere non rientrano più tra gli obiettivi dei gestori, che puntano su servizi ad alta redditività e sugli utenti che spendono.

Non è un mistero che per lanciare l’UMTS o per spingere l’utilizzo del GPRS, servano utenti disposti a sborsare cifre superiori alla media: questo il target verso cui si muovono i gestori. Gli uffici strategia e marketing hanno un nuovo obiettivo: il mercato è saturo, niente più prepagate abbinate al cellulare, ma schede (possibilmente abbonamenti) abbinate ai servizi a maggiore redditività. La decisione è resa necessaria per rimanere competitivi: il mercato si allarga e va a coprire anche fasce di utenti basso-spendenti, che fanno precipitare l’ARPU (Average Revenue Per User). Via dunque ai servizi per risollevare l’ARPU e coccolare i clienti che spendono di più. Due linee strategiche, secondo i mercati: aumentare il numero di clienti dove il mercato è ancora ricettivo, spingere alla spesa i clienti più propensi all’uso del cellulare dove il mercato è saturo (Europa occidentale). Il Natale 2002 sarà probabilmente il primo vero momento di confronto con la nuova strategia: i gestori punteranno sul traffico dati e sui servizi a valore aggiunto, cercando di spremere i vecchi abbonati.

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.