Home
Negli Usa, più motori e meno navigazione libera

10 Luglio 2002

Negli Usa, più motori e meno navigazione libera

di

Un recente studio della Pew Internet Project mette in evidenza il grande ricorso ai motori di ricerca.

Gli internauti più guidati e meno propensi a navigare. Negli Stati Uniti l’85 % degli internauti si è servito di un motore di ricerca e, di questi, il 29 % ne fa un uso quotidiano.Una percentuale alta, anche se inferiore a quella dell’uso della posta elettronica che rimane lo stumento Internet utilizzato giornalmente da più della metà degli utenti della rete.

Tra i sessi sono gli uomini a fare maggior uso dei motori di ricerca: il 33 % dei maschi li usano, contro il 25 % delle donne. Sfogliando le percentuali in base al titolo di studio viene fuori che il 39 % dei laureati ne fa un uso quotidiano, percentuale che scende al 20 % tra i diplomati.

Più un utente usa Internet negli anni, più usa i motori di ricerca. Tra quelli che navigano da più di tre anni la percentuale dell’uso dei motori di ricerca arriva al 39 %, contro il 14 % dei navigatori da meno di sei mesi.

Ma qual è il motore di ricerca più in voga tra gli internauti americani? Senza dubbio Google, che raccoglie un tempo medio di connessione al sito di 25,9 minuti. Segue Yahoo! con 10,8 minuti e MSN Search con 5,9 minuti. Quest’ultimo, però, detiene il record di traffico con i suoi 43 milioni di visitatori unici a maggio del 2002. Seguono Yahoo! con 38 milioni e Google con 36 milioni di visitatori unici.

Una curiosità emersa dallo studio: la maggioranza degli internauti inizia a usare motori di ricerca o portali generalisti per ricerche su questioni religiose o per informazioni su dipartimenti governativi.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.