Risparmia il 20% su tutti i corsi

Iscriviti con il codice sconto 1POSTOALSOLE, ma attenzione: può essere usato solo 50 volte

Approfittane subito
Home
Negli USA manca personale per l’industria informatica

12 Settembre 2000

Negli USA manca personale per l’industria informatica

di

Mentre in Italia l’industria informatica stenta a decollare e mancano piani di sviluppo nazionali, negli Stati Uniti, patria dell’industria hi-tech, manca personale. Il grido d’allarme è stato lanciato dall’American Engineering …

Mentre in Italia l’industria informatica stenta a decollare e mancano piani di sviluppo nazionali, negli Stati Uniti, patria dell’industria hi-tech, manca personale.

Il grido d’allarme è stato lanciato dall’American Engineering Association (AEA) sulla penuria di mano d’opera per l’industria di alta tecnologia e chiede al Congresso di non imporre limiti al numero di visti accordati ogni anno ai lavoratori stranieri impiegati in questo settore.

Insomma, gli Stati Uniti non ce la fanno più a far fronte alle domande dell’industria informatica.
Il Congresso dovrà dibattere in autunno la proposta del presidente Clinton di alzare il plafond di questi visti per lavoro, attribuiti a persone altamente qualificate, a 200 mila l’anno tra il 2001 e il 2003, contro i 107.500 previsti per l’anno 2001.

“Noi abbiamo bisogno di almeno 200 mila visti per anno – afferma Thom Stohler, responsabile dei problemi di personale alla AEA – per soddisfare la domanda”.

Gli studenti stranieri negli Stati Uniti sono titolari di un terzo dei diplomi di master e di dottorato rilasciati in questo paese, secondo le statistiche riprese dall’AEA.

“Non è logico che formiamo queste persone negli Stati Uniti – ha sottolineato Stohler – e non abbiamo poi l’opportunità di assumerli”.
Secondo l’AEA, il tasso di disoccupazione nell’industria hi-tech varia attorno al 2 %, contro il 4,1 % dell’economia americana nel suo complesso.

Questa industria, infatti, ha creato nel periodo 1993/1999, 1,2 milioni di impieghi.

Nel sito della AEA, all’indirizzo http://www.aea.org, potete trovare documenti (tra i quali, la petizione per l’abolizione del blocco dei visti) e approfondire l’argomento.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.