RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Navigare su Internet dal posto di lavoro: un’abitudine pericolosa

04 Giugno 2004

Navigare su Internet dal posto di lavoro: un’abitudine pericolosa

di

Websense ha annunciato i risultati di [email protected] 2004, l'indagine commissionata da Harris Interactive sull'utilizzo del Web e delle applicazioni software sul posto di lavoro, condotta su un campione di 500 dipendenti e 350 responsabili dei sistemi informativi di organizzazioni con sede negli USA che impiegano almeno 100 persone

Da [email protected] 2004 è emerso che i dipendenti considerano la navigazione su Internet dal posto di lavoro importante quanto il caffè del mattino. La linea di confine tra l’uso di Internet per scopi personali e lavorativi appare sempre meno netta e l’indagine ha rilevato una notevole discrepanza tra quanto i dipendenti ammettono di fare e quanto effettivamente accade sulle reti aziendali secondo i responsabili IT.

I dipendenti dichiarano, ad esempio, di trascorrere in media 2 ore alla settimana navigando su Internet per scopi personali, mentre per i responsabili IT il numero di ore supera le sei settimanali. Analogamente, solo il 2% dei dipendenti ammette di accedere a tool di hacking dal posto di lavoro, mentre un terzo dei responsabili IT intervistati afferma di aver constatato l’uso di strumenti di hacking da parte di dipendenti.

L’indagine ha inoltre rilevato che molti responsabili IT non sono consapevoli, o comunque non comprendono appieno, i rischi reali delle nuove minacce veicolate da Internet, come spyware, instant messaging, file-sharing peer-to-peer e virus come MyDoom. Circa il 95% dei responsabili IT afferma, ad esempio, di aver fiducia nella capacità del software antivirus utilizzato dalla propria azienda.

Alla domanda se avessero più volentieri rinunciato al caffè di metà mattina o alla possibilità di utilizzare Internet per scopi personali sul posto di lavoro, i dipendenti si sono divisi quasi equamente: il 49% rinuncerebbe al caffè, mentre il 46% all’accesso a Internet.

Tra coloro che utilizzano Internet al lavoro, poi, il 51% ha dichiarato di trascorrere tra una e cinque ore alla settimana navigando in Internet per ragioni personali, ovvero una media di due ore settimanali. Solo il 6% dei dipendenti che accedono a Internet dal posto di lavoro afferma di aver visitato siti Web che contengono spyware; tuttavia, il 92% dei responsabili IT dichiara che la propria organizzazione ne è stata colpita. Circa il 17% dei dipendenti ammette di utilizzare l’instant messaging (IM) dal lavoro; di questi, il 37% ha anche inviato o ricevuto allegati via IM.
Per quanto riguarda il P2P, l’84% di tutti i dipendenti intervistati ammette di ritenere che il download di contenuti protetti da copyright da siti Web in reti peer-to-peer come Kazaa e Grokster sul posto di lavoro non sia corretto. Ma il 21% dei dipendenti dichiara di ascoltare la radio o vedere i notiziari su Internet. Solo il 6% ammette invece di aver scaricato e archiviato sul proprio Pc video clip e filmati dal contenuto non attinente al lavoro.

Sul web, i dipendenti preferiscono: notiziari (84%), siti di turismo (64%), invio e ricezione di email personali (56%), fare shopping (55%), fare banking online (53%).

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.