Home
Napster chiede alla giustizia come deve comportarsi

14 Dicembre 2001

Napster chiede alla giustizia come deve comportarsi

di

Napster di nuovo davanti alla giustizia americana, ma questa volta su sua richiesta.
Infatti, vuole sapere in che modo conformarsi esattamente all’ingiunzione avuta nello scorso marzo.

Allora, Napster fu condannato a vietare ogni scambio di documenti protetti dal diritto di riproduzione.
Il servizio non si ribella all’ingiunzione ma ha chiesto a una corte d’appello della California di precisare un dettaglio nell’applicazione di questa ingiunzione.

E cioè: le case discografiche devono fornire loro a Napster i nomi informatici dei file musicali che vuole proteggere, o devono fornire solo i nomi delle canzoni e dei loro interpreti?

La domanda non è di lana caprina e la seconda ipotesi viene sostenuta fortemente dalle case discografiche. Napster, ovviamente, propende per la prima ipotesi e vorrebbe obbligarle a indicare i nomi esatti dei file musicali.

Non potendo avere questi nomi, Napster si dichiara incapace di filtrare i file musicali protetti e, dunque, in difetto rispetto all’ingiunzione. Cosa che gli è costata la sospensione del servizio gratuito nello scorso luglio.

Se la corte d’appello darà ragione a Napster, potrebbe dare al sistemone la possibilità di rilanciare una parte del servizio.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.