FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Motorola presenta il primo cellulare con piattaforma Linux

17 Febbraio 2003

Motorola presenta il primo cellulare con piattaforma Linux

di

L'azienda statunitense inaugura la "terza via", in competizione con Palm e Microsoft, e rilancia, con il modello A760, l'unica vera piattaforma open

Motorola ha recentemente presentato un nuovo modello di cellulare che introduce sul mercato un’interessante alternativa agli standard in voga. Si tratta del terminale mobile A760, dotato del sistema operativo Linux e la compatibilità con lo standard Java.

La piattaforma adoperata risulta così totalmente “open”, ovvero libera di essere aggiornata e migliorata con ogni tipo di applicazione, sia nell’ambito dell’intrattenimento, che in quello della produttività.

Le caratteristiche dell’A760 lo rendono più simile ad un palmare, che a un normale cellulare: Motorola ha integrato una macchina fotografica digitale, un player video, un player MP3, un sistema di accesso Internet, una porta Bluetooth…

La gestione delle applicazioni interne può essere tranquillamente gestita con il display touch-screen, utile soprattutto nell’ambito più professionale.

“Questo terminale mobile è speciale soprattutto perché dispone delle piattaforme software più flessibili dell’intero mercato”, ha dichiarato all’ultima conferenza stampa Rob Shaddock, Corporate Vice President e General Manager del comparto prodotti GSM/TDMA Motorola.

Naturalmente la sincronizzazione con il pc non è un problema, soprattutto per la presenza di una porta Bluetooth, la connessione USB e la porta Irda.

La commercializzazione avverrà nei prossimi mesi in Asia; entro la fine del 2003 saranno disponibili anche le versioni europee.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.