Home
Molto rumore per nulla attorno a HTML5

12 Ottobre 2012

Molto rumore per nulla attorno a HTML5

di

Che cosa significa in concreto la divergenza di strategie e obiettivi tra WHATWG e W3C sullo sviluppo di HTML5.

Avevamo già cominciato ad anticipare le conseguenze del divorzio consensuale tra W3C e WHATWG e ora è il momento di completare la disamina, tenendo presente che le valutazioni sull’impatto di questa separazione sono le più diverse e una volta tanto non mi ascrivo tra i catastrofisti.

Ecco i punti salienti della separazione in atto:

  • Ian Hickson non sarà più editore unico della specifica. Considerato alla stregua di un despota dai suoi detrattori, si è trovato, spesso suo malgrado, al centro di interessi divergenti e ha fatto un buon lavoro nella definizione della specifica così come la conosciamo oggi. Hickson continua il proprio lavoro di editore in seno al WHATWG mentre il W3C ha costituito un gruppo di lavoro per la gestione della specifica HTML5. Tra i nominati anche la competente Silvia Pfeiffer, profonda conoscitrice delle tecnologie a supporto dei nuovi marcatori multimediali di HTML.
  • Secondo quanto ha dichiarato Hickson ci sono buone probabilità che il lavoro di aggiornamento della specifica HTML possa finalmente tornare a velocizzarsi come accadde nei primi anni di lavoro.
  • Sempre Hickson ritiene che questa divisione abbia semplificato il lavoro interno perché ora sarà più netta la distinzione tra le attività di ricerca e sviluppo (il focus principale di WHATWG) e il processo di pubblicazione di versioni della specifica (i cosiddetti snapshot tanto cari al W3C).

Inoltre bisogna notare che già prima di questa formale separazione esistevano differenze tra le specifiche mantenute dai due enti. Differenze di metodo finora non hanno rappresentato un ostacolo ad una felice adozione del linguaggio e questa separazione non sembra possa incidere negativamente.

Sembra dunque ancora una volta un shakespeariano Molto rumore per nulla ma, siccome mi trovo a disagio nei panni dell’ottimista a tutto tondo, mi rifaccio ad una risposta di Hickson che alla domanda Non vedi alcuna criticità riguardo a questa divisione?, afferma:

Suppongo esista la possibilità teorica che le specifiche HTML del W3C prendano una strada diversa da tutto questo e ignorino i processi in atto (talvolta accade che i gruppi W3C abbiano sostanzialmente il permesso di tirarsi fuori da certi aspetti del procedimento di standardizzazione) ma questo dipende per lo più dalla scelta del loro nuovo editor.

L'autore

  • Gabriele Gigliotti
    Gabriele Gigliotti, ha maturato una grande esperienza nella programmazione Java e da quasi vent'anni studia e scrive libri sulle tecnologie web, dedicandosi in particolare all'insegnamento del linguaggio HTML.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.