Home
Moltiplicare per mille l’attuale potenza elaborativa

09 Luglio 2002

Moltiplicare per mille l’attuale potenza elaborativa

di

La Sony sta studiando il modo di realizzare una rete di computer (game station) sfruttando le connessioni "always on"

I computer hanno raggiunto una capacità elaborativa talmente elevata che solo in alcuni settori sentiamo ancora l’esigenza di progredire ulteriormente; ad esempio per la ricerca nel settore farmaceutico dove l’identificazione della struttura di una proteina richiede ancora alcuni mesi di elaborazione da parte di un supercomputer oppure le previsioni metereologiche dove oggi non riusciamo a prevedere il formarsi di un tornado ed il suo percorso se non con due ore di anticipo.

Suona però strano scoprire che tra i settori che ancora necessitano di maggiori capacità elaborative ci sia quello dei giochi. La Sony sta studiando il modo di realizzare una rete di computer (game station) sfruttando le connessioni “always on” fornite dai cable modem e da ADSL secondo il concetto del “grid computing “.

Questo approccio, secondo Sony, dovrebbe moltiplicare per mille l’attuale potenza elaborativa a disposizione dei giocatori. I giochi in rete della Sony a cui sono iscritti oltre quattrocentomila giocatori tra Stati Uniti e Giappone sono gestiti da più server in rete in quanto uno non riuscirebbe a fornire la potenza elaborativa richiesta. I 75 mila giocatori che in una sera tipo stanno giocando in realtà operano in mondi separati, raggruppati su 25 server diversi.

Un giocatore può interagire solo con i giocatori che casualmente sono gestiti dal suo stesso server. Sony, IBM e Butterfy, stanno creando un ambiente chiamato The Butterfly Grid, in grado di gestire oltre un milione di giocatori di video game rendendo trasparenti le risorse elaborative con una affidabilità del 99,999%. I giochi di ruolo e di simulazione coinvolgenti migliaia di giocatori sono ormai una realtà importante. Ad esempio, Ultima Ondine, ha 250.000 giocatori che hanno passato oltre 160 milioni di ore in rete lo scorso anno (una media di 13 ore a settimana). Everquest fa ancora meglio: 450.000 giocatori che passano in media 20 ore alla settimana on line. Decisamente un business interessante per le telecomunicazioni.

L'autore

  • Roberto Saracco
    Roberto Saracco inizia ad appassionarsi di tecnologia molto tempo fa. Formatosi come matematico e informatico è attualmente a capo della Industrial Doctoral School dell’Istituto Europeo dell’Innovazione e la Tecnologia, è presidente della Symbiotic Autonomous Systems Initiative promossa da IEEE-FDC. Ha diretto fino all’aprile del 2017 lo snodo italiano dell’EIT. In precedenza è stato, fino a dicembre 2010, direttore del Future Centre di Telecom Italia a Venezia, cercando di comprendere le interrelazioni tra evoluzione tecnologica, economia e società. È attualmente Senior Member dell’IEEE, dove dirige l’Industry Advisory Board all’interno del Future Directions Committee. Insegna all’Università di Trento. Roberto Saracco ha pubblicato oltre 100 articoli accademici in giornali e riviste specializzate.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.