Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Microsoft grazia uno dei diffusori del virus Blaster ma deposita 117 denunce per phishing

08 Aprile 2005

Microsoft grazia uno dei diffusori del virus Blaster ma deposita 117 denunce per phishing

di

Un anno e mezzo di carcere più 325 ore di lavori socialmente utili per Jeffrey Lee Parson, che non dovrà così pagare i 500.000 dollari di ammenda al colosso di Redmond che, al tempo stesso, inasprisce la lotta contro il phishing

Jeffrey Lee Parson, l’adolescente americano riconosciuto colpevole di avere infettato 48.000 computer con una variante del worm informatico Blaster, non dovrà pagare 500.000 dollari di risarcimento a Microsoft, secondo quanto annunciato dal numero uno mondiale dei software, che ha raggiunto un accordo in forma amichevole con il giovane.

Parson dovrà invece effettuare 225 ore di lavori socialmente utili, oltre alle 100 ore già previste e alla pena di un anno e mezzo di reclusione. Dopo aver scontato la pena, sarà poi messo sotto sorveglianza per tre anni.

Il giovane, lo scorso anno, è stato giudicato colpevole di avere creato una variante del virus Blaster, che ha infettato diversi computer a metà 2003 e ha preso di mira alcune macchine di Microsoft. Parson lo ha utilizzato per accedere a 50 computer, punti di partenza per un attacco contro più di 48.000 macchine.

Intanto, Microsoft prosegue la lotta contro il phishing. Nei giorni scorsi ha infatti depositato 117 denunce per frode bancaria online contro amministratori di siti Internet che il colosso del software accusa di partecipazione ad attività di phishing.

Gli autori di questo tipo di frode si fanno passare per una banca o un ente creditizio, poi inviano milioni di e-mail per chiedere agli internauti di aggiornare le loro coordinate bancarie su falsi siti Web, riuscendo a carpire informazioni riservate.

Microsoft spera che le sue denunce, depositate nello Stato di Washington, permettano di evidenziare gli eventuali collegamenti a livello mondiale tra i vari autori di phishing, per scoprire i responsabili su vasta scala.

“Dobbiamo lavorare insieme per fermare questi specialisti della frode, che si servono di Internet come un uno attrezzo per truffare gli utenti”, ha dichiarato in un comunicato Aaron Kornblum, avvocato di Microsoft.

L’azione di Microsoft ha ricevuto il sostegno della Federal Trade Commission, l’autorità americana della concorrenza, e della National Consumers League, un’associazione di consumatori.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.