Home
Microsoft dovrà pagare le spese processuali ai nove stati sottoscrittori dell’accordo

25 Gennaio 2002

Microsoft dovrà pagare le spese processuali ai nove stati sottoscrittori dell’accordo

di

Microsoft l’aveva già promesso, ma adesso interviene anche una decisione del giudice: l’azienda dovrà rimborsare le spese processuali per la causa antitrust ai nove Stati che hanno deciso di aderire all’accordo amichevole concluso tra l’azienda e il dipartimento di Giustizia.

Una decisione del giudice Colleen Kollar-Kotelly che avvalla, come abbiamo detto, una promessa fatta da Microsoft agli avvocati dei nove Stati (New York, Illinois, Ohio, Kentucky, Louisiana, Maryland, Michigan, Carolina del Nord e Wisconsin).
L’ammontare della cifra verrà determinato sulla base delle procedure predeterminate al momento dell’annuncio dell’accordo amichevole.

Sarà comunque una bella cifra e non sancirà, comunque, la validità dell’accordo. Lo stesso giudice, infatti, tiene a sottolineare sulla sentenza che non ha ancora deciso se approvare o no questo accordo amichevole.

Il periodo di consultazione pubblica sull’accordo non è ancora scaduto e Microsoft avrà ancora 30 giorni per rispondere ai commenti ricevuti dal dipartimento di Giustizia.
Solo allora il giudice potrà pronunciarsi sull’accordo.

Intanto il processo continua con accusatori i nove Stati che non hanno accettato di sottoscrivere l’accordo amichevole. A questi si è aggiunto il Distretto di Columbia, che ospita la capitale federale Washington.

Le udienze, che avranno termine l’11 marzo, dovranno permettere al giudice di determinare quali sanzioni comminare a Microsoft, riconosciuta colpevole di pratiche anticoncorrenziali.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.