ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Mi manca l’intelligenza (quella artificiale)

30 Maggio 2012

Mi manca l’intelligenza (quella artificiale)

di

Ci era stato promesso che i computer avrebbero pensato anche meglio degli umani. Siamo ancora ad aspettare che comprendano qualche meccanismo elementare del pensiero.

L’informatica ha compiuto fino a qui progressi miracolosi e se i mezzi di spostamento avessero seguito la stessa curva di crescita delle prestazioni dei computer, adesso passeremmo il weekend in gita per il sistema solare.

Ma c’è una grande promessa che è rimasta da esaudire: l’intelligenza artificiale. Il peggio è che la delusione tende ad aumentare con il passare degli anni. E neanche quest’anno è stato assegnato il premio assoluto del Loebner Prize, centomila dollari per un programma che riuscisse a passare il test di Turing e farsi credere umano da un essere umano che conversa con lui.

Onestamente riesce difficile comprendere anche l’assegnazione del premio annuale, duemila dollari, al software che ottiene il risultato migliore pur non passando il test, se la conversazione si compone di frasi come questa:

I’ve been described as a tough and noisy woman, a prize fighter, a man-hater, you name it. They call me Battling Bella, Mother Courage, and a Jewish mother with more complaints than Portnoy. There are those who say I’m impatient, impetuous, uppity, rude, profane, brash, and overbearing. Whether I’m any of those things, or all of them, you can decide for yourself. But whatever I am –and this ought to be made very clear–I am a very serious woman.

Certo, si compiono progressi isolati in mille branche. Siri riesce a sembrare qualche volta una passabile segretaria; lentamente, troppo lentamente, i programmi che giocano a Go iniziano a insidiare i grandi maestri (gli scacchi? Troppo facile); possiamo costruire robot capaci di salire le scale.

Ma il problema dell’autocoscienza, della conoscenza del mondo oltre la mera manipolazione di simboli, l’esplorazione dei meccanismi del pensiero… è veramente emerso qualcosa di interessante dai tempi dei sistemi esperti e dell’arroganza giapponese nel voler realizzare i computer di quinta generazione? Anche con miliardi di computer collegati, non si riesce a ottenere la vera comprensione di un gioco di parole bene assestato, o una risposta sarcastica a un tono supponente.

Sarei anche disposto ad abbandonare il sogno dell’intelligenza artificiale forte patrocinato tra gli altri da Douglas Hofstadter e accontentarmi di quella debole, che alcuni come Roger Penrose ritengono il massimo traguardo raggiungibile.

Pur di vedere, che so, SHRDLU implementato dentro un piccolo robot capace di manipolare a comando veri solidi colorati.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.