OFFERTA DEL GIORNO

Machine Learning con Python in ebook a 6,99€ invece di 24,99€

Risparmia il 72%
Home
Messaggi razzisti sulle chat: alcuni cittadini americani di fede islamica citano in giudizio America OnLine

24 Settembre 2001

Messaggi razzisti sulle chat: alcuni cittadini americani di fede islamica citano in giudizio America OnLine

di

L'azione giudiziaria contro AOL mira a imporre ai fornitori d'accesso l'obbligo di prendere i provvedimenti necessari a impedire la diffusione di messaggi a contenuto razzista nelle chat.

Le chatroom possono essere considerate alla stregua di un luogo pubblico e, pertanto, deve essere vietato praticarvi qualunque forma di discriminazione religiosa, a norma del Civil Rights Act, emamato nel 1964.

Sono queste le principali argomentazioni sostenute dall’avvocato Kamran Memon a sostegno dell’azione collettiva avviata contro AOL nei giorni scorsi, davanti al Tribunale di Alexandrie, in Virginia, da un gruppo di cittadini di religione musulmana e finalizzata a ottenere che i fornitori d’accesso siano obbligati a impedire ai loro abbonati di inserire nelle chat messaggi razzistici.

Le chat di America OnLine sfuggono, infatti, a qualunque forma di controllo preventivo. Il servizio tecnico del fornitore d’accesso è tenuto ad adottare misure appropriate solo in seguito alle segnalazioni che riceve dagli utenti.

Saad Noah, promotore dell’azione giudiziaria e abbonato di AOL da lungo tempo, contesta al fornitore d’accesso americano di non aver vigilato in maniera efficace, nonostante le ripetute sollecitazioni, sulla diffusione di proposte a contenuto razzista su alcune chat che pure erano espressamente dedicate all’Islam.

L’esito della causa, presumibilmente, sarà pesantemente condizionato dal fatto che la compagnia americana gestisce circa 14.000 chat, suddivise secondo i diversi argomenti.
La giustizia americana, inoltre, è piuttosto incline a esonerare gli intermediari tecnici da ogni responsabilità in merito ai contenuti che vengono diffusi online dagli utenti.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.