RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Memoria DDR333: se non ora, quando?

15 Febbraio 2002

Memoria DDR333: se non ora, quando?

di

Gli analisti prevedono che la RAM DDR a 333 Mhz raggiungerà il mercato non prima di 6 mesi

Nell’ambito della produzione hardware sono sempre attive decine di guerre tra standard. Costruttori diversi propongono soluzioni simili e obbligano il consumatore a scelte che talvolta vanno al di là della sua competenza tecnica. Una delle battaglie che infuria da più tempo è quella che vede contrapposti i due principali produttori di processori, ovvero Intel e AMD.
I due giganti del silicio, però, non hanno limitato la loro battaglia alla semplice sfida sulle performance dei processori, ma hanno esteso il conflitto agli standard della memoria. I Pentium 4 di Intel, infatti, sono installabili su schede madri che utilizzano – salvo che nel caso di qualche chipset economico – i moduli Rambus di memoria, che raggiungono la ragguardevole velocità di 800 Mhz e, ovviamente, sono estremamente costosi. Sono, invece, molto più economici i moduli DDR a 266 Mhz richiesti dai chipset degli Athlon XP.
Come sempre il consumatore deve operare una scelta tra performance e costi, ma la notizia dell’imminente commercializzazione di moduli DDR a 333 Mhz ha fatto ben sperare per il futuro: l’idea di moduli di memoria economici e più performanti del 25%, infatti, può rivelarsi vincente nel mercato, visto che costituisce un ottimo compromesso tra prezzo e prestazioni.
Purtroppo, pur essendo già in commercio i primi chipset in grado di supportare i moduli DDR veloci, pare che non vedremo la nuova memoria a 333 Mhz prima di sei mesi. Le aziende produttrici, infatti, sono in ritardo nella progettazione della nuova RAM: la nuova memoria, infatti, deve ancora sottostare ad una lunga serie di test di durata e di compatibilità prima di essere immessa sul mercato.
Attualmente un solo produttore taiwanese, Nanya Technologies, commercializza ridottissime quantità di memoria DDR333 dalla compatibilità limitata a pochi chipset.
Il ritardo della DDR veloce non potrà che favorire Rambus, che si troverà in una posizione di predominio tecnologico e potrà continuare a non temere la concorrenza della memoria DDR, mantenendo i prezzi salatissimi per i suoi moduli.

Per maggiori informazioni

L'autore

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.