Home
Meglio un Web protetto che un Web abbandonato

15 Maggio 2013

Meglio un Web protetto che un Web abbandonato

di

Ancora polemiche sull'architettura per la protezione dei contenuti prevista in HTML5. La questione è tra principio e pragmatismo.

Era prevedibile che l’inclusione di specifiche per l’utilizzo di meccanismi di protezione anticopia nello standard HTML5, della quale si è già scritto tempo fa, avrebbe suscitato un dibattito come minimo vivace.

Sul fronte delle notizie siamo alla pubblicazione di un Working Draft del World Wide Web Consortium relativo a Encrypted Media Extension o EME, architettura destinata a sostenere il peso dell’inclusione di contenuti protetti in pagine HTML5 (architettura, si badi; lo schema anticopia effettivo è tutto da decidere e, dove ve ne fossero, l’architettura servirebbe appunto a permetterne il funzionamento). Electronic Frontier Foundation non ha gradito:

Peter Bright ha preso posizione su Ars Technica argomentando come EME sia una vittoria piuttosto che una sconfitta e che, nel mondo dei plugin e delle app, la mancanza di forme efficaci di protezione del contenuto (DRM, da Digital Rights Management) su Web non porterà alla sua inaccessibilità, ma alla sua sparizione:

Dove ci sono plugin e app, non esiste alcun cammino di transizione che abbia significato verso un mondo libero da DRM. Non c’è un buon sistema per i distributori che vogliano tastare il terreno e verificare se la distribuzione libera sia fattibile. Con EME, c’è. EME manterrà i contenuti fuori dalle app e dentro il Web e faciliterà il passaggio a un futuro libero da DRM. Non è un danno per il Web aperto, bensì lavorare per assicurarne nel tempo utilità e rilevanza.

I plugin sono in estinzione. Adobe ha pubblicato una roadmap per i prossimi anni di Flash, arroccata nella difesa di fonti di fatturato come lo sviluppo di giochi e – a proposito – l’erogazione di video protetto da DRM e cede il passo a HTML5 su ogni altro fronte, compresi gli stessi strumenti di sviluppo di Adobe. L’altro plugin diffuso, Silverlight di Microsoft, non conosce sviluppo dalla versione 5 di fine 2011. Internet Explorer 10 di Microsoft, su Windows 8 di Microsoft, se usato in versione touch e non desktop è plugin-free, Silverlight compreso. Circa un miliardo di apparecchi mobile è incompatibile con qualsiasi plugin.

Rimane però il fattore tempo: l’estinzione dei plugin sarà lenta. E intanto il mondo delle app esplode: App Store di Apple, da solo, ha passato quota ottocentomila e da un momento all’altro assegnerà premi per festeggiare i cinquanta miliardi di download.

Le app non hanno problemi a impiegare schemi di protezione del contenuto. Se il Web non lo rende possibile, il contenuto abbandonerà il Web. Che se ne occupi il W3C è una garanzia collettiva migliore dei vari singoli interessi aziendali.

Nel frattempo possiamo sostenere le buone iniziative HTML5. Su un tono leggero, provare Waste Invaders, per esempio.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.