OFFERTA DEL GIORNO

Marketing in un mondo digitale in ebook a 4,99€ invece di 14,99€

Risparmia il 67%
Home
Materia trasversale

09 Maggio 2012

Materia trasversale

di

L'essenza dei tempi consiste nell'opportunità di aggiungere sistematicamente nuove dimensioni al nostro bagaglio culturale. Partendo dalla terza.

Molti anziani sono convinti di avere studiato quanto basta a scuola e che, terminata questa, si viva di rendita dell’istruzione ricevuta.

Il mondo digitale ha sbriciolato questa aspettativa, a partire – sempre nel secolo scorso – dall’inglese, che tanti adulti non hanno più coltivato nell’illusione che bastassero le lezioni del loro docente dalla pronunciata inflessione dialettale (non dello Yorkshire) e oggi si ritrovano alle prese con il web.

Oggi esistono vere materie trasversali, vitali per eccellere nel rapporto con la tecnologia, che la scuola ignora più o meno sistematicamente. Senza di esse si finisce come descritto dallo psicologo positivo Shawn Achor in una conferenza TED:

If we study what is merely average, we will remain merely average.

Ci vorrebbero cattedre, per esempio, di: trigonometria (non più angolo noioso di matematica ma branca autonoma); ricerca dati; editing e montaggio mediale e multimediale; teoria del colore; linguaggi di marcatura; scrittura per i media digitali; modellazione 3D; educazione digitale (magari meno fallimentare di quella civica); tecniche del parlare in pubblico; etica dell’informazione; elementi di networking; elementi di sistemi client/server.

Per lo più sono argomenti negletti o previsti magari nella scuola secondaria superiore o all’università, quando invece dovrebbero apparire in forma semplice in quinta elementare se non prima.

Neanche le materie trasversali consentono di vivere di rendita. Una prova: per 499 dollari si compra una stampante 3D. Tra dieci anni sarà di uso comune alla metà del prezzo o meno.

Ognuno pensi alle nozioni ricevute durante la scuola dell’obbligo e quali di esse favoriscono l’uso ottimale di una stampante 3D.

Chiedersi a che cosa serva non vale: ho ancora in mente l’arroganza di certi amministratori delegati del 1990, per i quali Internet era un giocattolo e ragazzino-lasciami-lavorare.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.