FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
L’unione europea limita la privacy online

12 Giugno 2002

L’unione europea limita la privacy online

di

La nuova direttiva europea sul trattamento dei dati personali - che modifica la precedente direttiva del 1997 - privilegia le esigenze di prevenzione e repressione della criminalità a scapito della tutela della privacy. I singoli Stati potranno imporre agli operatori l'obbligo di conservare le informazioni sugli utenti

Gli Stati membri dell’Unione europea potranno adottare misure legislative che obblighino tutti gli operatori di telecomunicazioni – internet provider o gestori di telefonia fissa e mobile – ad archiviare tutti i dati personali relativi ai loro utenti, al fine di consentirne l’utilizzo alle forze di polizia per la lotta alla criminalità informatica.

È questa una delle novità più importanti e più discusse, contenute nella direttiva sul trattamento dei dati personali nelle comunicazioni elettroniche approvata nei giorni scorsi dal Parlamento europeo, che modificherà la precedente direttiva del 1997.

L’obbligo di conservare le informazioni personali potrà essere previsto, però, solo “per un periodo limitato nel tempo” e qualora si tratti di “una misura necessaria, idonea e proporzionata, in una società democratica”.

La decisione dell’Europarlamento è stata duramente criticata dal relatore italiano Marco Cappato, secondo il quale le disposizioni introdotte comporteranno “notevoli limitazioni alle libertà civiche”, in quanto “da adesso in poi gli stati membri hanno l’autorizzazione esplicita ad imporre alle società di tlc e ai provider internet la conservazione dei dati sulle comunicazioni di tutti i cittadini come le comunicazioni telefoniche fisse e mobili, la navigazione su Internet e le e-mail”.

Sarà, invece, necessario – si legge ancora nel testo del provvedimento – il consenso preventivo per l’inclusione dei dati personali in elenchi pubblici, ferma restando, però, la possibilità degli Stati di consentire funzioni di ricerca di ritorno.

In materia di spamming, poi, il Parlamento europeo ha stabilito – come si è già anticipato in questo sito – che le e-mail commerciali non richieste non potranno essere inviate senza il consenso preventivo del destinatario, in base al sistema dell’opt-in.

Gli utenti, infine, dovranno essere informati prima dell’installazione di cookies nei loro computer, da parte dei siti Internet visitati; e saranno sempre liberi di rifiutare l’installazione stessa.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.