Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
LibreOffice in un’infografica

22 Febbraio 2012

LibreOffice in un’infografica

di

The Document Foundation traccia in forma visiva lo "stato della nazione" della principale suite open source per la produttività individuale e per l'ufficio.

È passato ormai un anno dalla prima release di LibreOffice (avvenuta alla fine di gennaio 2011) e la Document Foundation può iniziare a tirare le somme sull’evoluzione del progetto pubblicando un’infografica in cui si dà conto del livello di partecipazione della community di sviluppatori e dell’efficacia degli interventi di bug soling. Emerge che attualmente all’attività di sviluppo di LibreOffice lavorano un team core di 50 sviluppatori, un gruppo stabile di circa 100 sviluppatori volontari e una costellazione di circa 250 contributori occasionali:

The Document Foundation was announced on September 28, 2010. So far, it has been an unbelievable ride, especially under the development point of view. Our core development team has managed to attract close to 400 new developers, and has achieved a large number of the ambitious goals set on that date.

Facciamo però un passo indietro per coloro che si fossero persi le puntate precedenti e non hanno ancora ben capito il rapporto tra LibreOffice e OpenOffice.org.

Il 2011 è in effetti stato un anno burrascoso per la suite open source per ufficio più nota e diffusa. Già nel settembre dell’anno precedente un gruppo di sviluppatori di OpenOffice.org aveva avviato un fork del progetto chiamandolo provvisoriamente LibreOffice, in attesa che Oracle (titolare del progetto) cedesse l’uso del marchio OpenOffice.org a una neonata realtà non-profit, appunto The Document Foundation, di recente insediatasi a Berlino. Oracle ha invece negato il consenso e nell’aprile scorso ha annunciato l’abbandono del progetto, cedendolo ad Apache. Intanto l’attenzione della comunità open source si è focalizzata sul nuovo progetto LibreOffice, che nei giorni scorsi è arrivato alla release 3.5.0 (datata 14 febbraio); anche se nel frattempo pare che Apache abbia raccolto nuovi partner autorevoli (come IBM) interessati a proseguire nello sviluppo di OpenOffice.org.

In effetti sembra un po’ un intrigo a cavallo tra la telenovela e il noir, ma quella delle diramazioni in fork e sottoprogetti è una delle caratteristiche più tipiche e – in un certo senso – affascinanti del mondo open source. Ora non ci resta che seguire le prossime puntate.

Articolo sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

L'autore

  • Simone Aliprandi
    Simone Aliprandi ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.