FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
L’high-tech inutile (Sesta puntata)

27 Maggio 2005

L’high-tech inutile (Sesta puntata)

di

Oggi non ho proprio voglia di stare in ufficio, quasi quasi me ne vado a guardare un po' di contenuti "speciali", in piscina ... grazie al SuperScreen Outdoor Theater, il nuovo grande schermo da giardino

Abbiamo girato la boa!
Comincia, così, il conto alla rovescia verso la fine della “traversata”. “L’high-tech inutile”, infatti, consiste in una regata in 10 puntate tra le offerte commerciali che sanno di high-tech e che sono anche un po’ esilaranti, se si pensa che ci sono dei matti (compreso il sottoscritto) che alcuni dei prodotti che abbiamo visto e vedremo, se li sono comprati davvero.

Il prodotto di questa puntata è un grandissimo schermo da 5 metri in lunghezza per 4 in altezza, che richiede un’area di 20 metri per 20 per essere assemblato (casse incluse). Lo schermo è protetto da una struttura gonfiabile del modesto peso di 23Kg che richiede un’ora per essere montata. Grazie al sistema DVD con videoproiettore DLP e alle casse acustiche modello tower da 150 watt, può proiettare all’aperto senza problemi. Un oggetto perfetto, dunque, per le ore passare nel giardino di casa e in spiaggia.

I contenuti ideali che possono essere mandati in onda su questa meraviglia high-tech sono:

  • il DVD preferito (o DivX);
  • i videogiochi da console di ultima generazione per i ragazzi;
  • un browser per la navigazione Internet.

Alla modica somma di 9.999 dollari, questo prodotto offre quindi la possibilità di ospitare amici e parenti intrattenendoli all’americana; prodotto grande e comfort portato all’eccesso. Dopo le auto, la Hummer è ormai un MUST TO HAVE negli States, con il cinema su grandissimo schermo, il big lifestyle entra anche dentro casa, o almeno in giardino.

Originariamente creato per resorts e club house dei più prestigiosi golf club del mondo, il SuperScreen Outdoor Theater con il suo sistema dolby surround integrato rappresenta oggi il nuovo trend della convivialità all’aria aperta. Diciamo pure che, grazie a lui, si può ufficialmente dichiarare aperta la stagione balneare 2005 con i gestori pronti al successo del nuovo modello di business dell’intrattenimento su spiaggia. Dopo le vasche idromassaggio, che la scorsa estate si sono viste comparire su moltissime spiagge italiane, ecco la proposta di una “prima visione”, tra una partita di beach volley e una granita al limone.

Se lo scorso anno le spiagge si erano trasformate, quindi, in “Isole Relax”, cito testualmente il payoff con cui la mia spiaggia di fiducia è riuscita a scucirmi 45 euro in più sulla solita tariffa annuale, da quest’anno avremo “isole divertimento” e “relax” al grido dello slogan “Create silver-screen (and video game) excitement under the stars”.

Il SuperScreen Outdoor Theater è, in realtà, l’esagerazione di un trend molto più promettente e serio che consiste nell’interazione tra uomo e schermo (grande schermo) e che negli ultimi mesi ha visto prodotti come ThinkPix e ActiveLight diventare oggetti di culto multimediale nelle mecche dell’high-tech americano, MIT e New York Times (redazione) in testa. Si chiama “digital signage” il nuovo tipo di comunicazione che sarà possibile realizzare attraverso questi grandi schermi, ma anche questo argomento meriterebbe un articolo ben più serio di quello che questo pretende di essere.

Che dire, poi, delle ingioiellate padrone di casa, che a partire da giugno apriranno le loro ville principesche per un cocktail in piscina, dilettando gli ospiti con l’ultima visione in megascreen? D’altronde, cosa sono 10.000 dollari quando c’è in gioco l’apparire all’avanguardia tecnologica agli occhi dei vicini e degli amici del golf/bridge? Un vero e proprio problema di status symbol, che viene in ordine di importanza appena dopo l’abbronzatura pre-estiva e l’acquaspinning.

Purtroppo, non ho allocato così tanti soldi nel “budget ferie estive” da potermi permettere un esemplare del megascreen, quindi mi toccherà NON comprarlo; ma perché, a pensarci bene, non pensare di affittarlo?

VOTO: 8 e ½! Se avete i soldi compratelo ma se riuscite prendetelo a noleggio per la vostra villa al mare, la vostra terrazza superaccessoriata, la vostra spiaggia all’ultimo grido. Il successo, almeno di immagine, è assicurato e gli amici faranno a gara per avere “un posto al sole”!

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.