RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Le zone rurali disporranno presto di nuovi accessi wireless broadband

01 Agosto 2003

Le zone rurali disporranno presto di nuovi accessi wireless broadband

di

France Telecom ha iniziato a testare un servizio wireless a banda larga in un piccolo paese dei Pirenei; la soluzione potrebbe essere vincente per tutte le località senza ADSL

La rivoluzione del broadband si è concretizzata nei grandi centri abitati, ma nella maggior parte dei piccoli comuni e nelle zone rurali il mercato non offre niente di più che i collegamenti analogici. Solo alcune grandi factory hanno investivo per ottenere infrastrutture adeguate in zone disabitate.

In Francia, però, France Telecom, grazie alla tecnologia wireless della Alvarion sta portando avanti una serie di test che dovrebbero portare il digitale nelle campagne. Loudenvielle, un piccolo villaggio situato sui Pirenei, sarà protagonista dell’implementazione di un network con tecnologia wireless broadband all’interno del museo locale. I visitatori potranno così approfittare della connessione per accedere al Web entrando semplicemente nelle zone coperte dagli hot spot.

L’architettura della Alvarion è una point-to-multipoint che permette ai provider di attivare servizi a banda larga senza ingenti investimenti: si tratta, infatti, di un sistema VSAT (very small aperture terminal) che utilizza la tecnologia satellitare per il traffico home. France Telecom vorrebbe estendere il suo servizio in tutte le zone che per problemi di distanza o semplicemente ambientali non permetterebbe un’economica messa in opera delle infrastrutture. In questo modo ogni centro abitato poterebbe disporre di tecnologie di connessione al Web all’avanguardia, senza dover investire ingenti capitali.

“Gli accessi wireless a basso costo, come quelli della Alvarion, saranno decisivi per il futuro, non solo come soluzione per i paesi in via di sviluppo, come l’India e il Salvador, – ha commentato Valerie Martin, direttore dei laboratori di ricerca e sviluppo della FT – ma anche per gli operatori che vogliono estendere la rete fissa DSL”.

Nel meeting preliminare del World Summit on the Information Society i rappresentanti governativi e le più importanti aziende del settore dibatteranno anche sulla questione del digital divide: non è da escludere che la soluzione, ancora in fase di test della FT, possa dimostrarsi uno mezzi più vincenti per la risoluzione del problema.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.