Home
Le radio online statunitensi dovranno pagare i diritti d’autore alle case discografiche e agli artisti

03 Novembre 2003

Le radio online statunitensi dovranno pagare i diritti d’autore alle case discografiche e agli artisti

di

Una regolamentazione dell'ufficio del copyright, con il plauso della RIIA, penalizza le radio online rispetto a quelle tradizionali

La terza corte di appello statunitense di Philadelphia ha approvato la regolamentazione dell’ufficio del copyright americano che impone alle stazioni radio che trasmettono via Internet di pagare i diritti alle compagnie discografiche e agli artisti. Al contrario le stazioni tradizionali che trasmettono via etere pagheranno i diritti solamente ai compositori. Questa esenzione si basa sul principio secondo cui la trasmissione delle canzoni è una forma di promozione dei dischi. Con il Digital Millennium Copyright Act del 1998 una simile esenzione non è stata ritenuta valida per la programmazione delle radio esclusivamente online.

L’ufficio del copyright ha stabilito che i diritti da pagare si applicano a tutte le stazioni via Internet. L’appello dei proprietari delle stazioni e della National Association of Broadcasters è stato immediato. Secondo quest’ultima, il Digital Millennium Copyright Act si applica solamente ai servizi di download.
La Recording Industry of America Association (RIAA), dal canto suo, ha espresso la sua viva approvazione per una decisione del genere.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.