Home
Le polizie di 181 paesi nel mondo connesse entro il 2004

02 Ottobre 2003

Le polizie di 181 paesi nel mondo connesse entro il 2004

di

In una bella (ma anche inquietante) pubblicità televisiva della HP di poco tempo fa, si vedeva un cursore freccia acchiappare un ladro e portarlo dritto dritto nel furgone della polizia. Segno che, con l’aiuto dell’informatica, anche il lavoro di polizia risulta più semplice nello scovare criminali.

Un concetto entrato di prepotenza nelle fila dell’Interpol, che ne fa uno strumento principale nella lotta alla criminalità e decide di investirci.
Così, durante la 72° assemblea generale annuale, l’ente sovranazionale che raccoglie polizie di tutto il mondo ha deciso di interconnettere 181 paesi entro il 2004.

La nuova rete si chiamerà I-24/7 e avrà lo scopo “di connettere in totale 181 paesi entro l’anno prossimo”, come ha dichiarato uno dei co-direttori del progetto, il cui centro è situato a Lione, in Francia.

Per renderla più sicura, i milioni di messaggi che ogni giorno vengono scambiati tra le varie polizie sono criptati, utilizzando le tecniche all’avanguardia.

Il co-direttore, però, non nasconde i problemi tecnici e amministrativi. “Le due sfide più importanti sono la maggior parte dell’Africa oltre all’America centrale e i Caraibi – spiega il responsabile del progetto – Lavoriamo in stretta collaborazione con i capi delle polizie di queste regioni, perché possano connettersi il più rapidamente possibile”.

Internet, come dice l’altro responsabile della nuova rete, dà all’Interpol la possibilità di approfittare della flessibilità del protocollo di rete utilizzando “codici inviolabili” di comunicazione per ottenere “informazioni su un individuo ricercato in ogni paese connesso in pochi secondi”, in modo tale che il delinquente di turno non sappia “più dove nascondersi”.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.