REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Le istituzioni pubbliche usano ancora il Web come vetrina pubblicitaria

22 Giugno 2000

Le istituzioni pubbliche usano ancora il Web come vetrina pubblicitaria

di

Uno studio realizzato dalla Andersen Consulting rivela che i governi sono ancora reticenti a dotarsi di una vera piattaforma virtuale per offrire servizi online ai cittadini.

I ricercatori hanno realizzato il loro studio su 157 servizi pubblici che potrebbero, tecnicamente, essere disponibili online.
Di questi, solamente il 10 % sono offerti in forma elettronica, sui venti paesi monitorati dall’inchiesta.

Il problema è che l’informazione governativa circola a senso unico sulla Rete.
Se le pubblicazioni statali sono sempre più frequentemente proposte sullo schermo di computer, l’interazione tra i cittadini e i dirigenti resta bassa.

Difficile cambiare indirizzo, pagare le contravvenzioni o di cercare un lavoro dal proprio computer a casa.

Insomma, per le istituzioni pubbliche il Web resta, nella maggior parte dei casi, una “vetrina” pubblicitaria.

Eppure, rendere “elettronici” e online alcuni servizi pubblici non è assolutamente costoso.
Secondo gli esperti della Andersen Consulting, in media, è sufficiente spendere 400 dollari per mettere online servizi altrimenti affidati agli sportelli.

I governi esitano a lanciarsi nel grande mondo virtuale. I motivi risiedono nella diffidenza e nella paura dei costi che dovrebbero affrontare per la ristrutturazione delle reti informatiche per fare fronte al numero crescente di utilizzatori.

Il sito della Andersen Consulting all’indirizzo http://www.ac.com

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.