FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Le case discografiche britanniche si preparano alla guerra

29 Gennaio 2004

Le case discografiche britanniche si preparano alla guerra

di

L'associazione professionale che difende gli interessi delle case discografiche britanniche ha annunciato l'intenzione di portare in giudizio i privati che mettono il proprio catalogo musicale a disposizione degli utenti dei servizi "peer to peer".

“Vogliamo fare in modo – ha dichiarato Andrew Yeates, direttore generale dell’associazione BPI (British Phonographic Industry) – che i consumatori prendano coscienza delle implicazioni legali dello scambio di file. La nostra intenzione è di lanciare servizi di vendita di musica online legali; se non funzioneranno, occorrerà fare rispettare la legge”. Da questa dichiarazione si evince chiaramente quanto l’industria musicale europea sia determinata a seguire le orme della sua omologa americana in materia di azioni giudiziarie contro gli internauti che utilizzano servizi per lo scambio di file musicali.

Come è infatti noto, nel settembre scorso, la Recording Industry Association of America (RIAA), associazione che raggruppa i cinque giganti mondiali del disco, ha lanciato una crociata contro la pirateria online, citando in giudizio decine di utenti Internet che scambiavano i propri file musicali online. L’industria musicale accusa i servizi “peer to peer” di avere creato, su Internet, un mercato nero immenso e gratuito, giudicato responsabile del crollo di vendite fatto segnare dal comparto discografico in questi ultimi anni.

Andrew Yeates ha aggiunto che la campagna giudiziaria britannica “sarà proporzionata”, lasciando intendere che la BPI perseguirà soltanto gli internauti che distribuiscono abitualmente un certo numero di brani, risparmiando gli utenti saltuari.

Ha inoltre anticipato che, fino a quando i servizi legali di vendita di musica digitale online – iTunes di Apple e Napster di Roxio – non saranno disponibili in Europa, nessuna denuncia sarà presentata. Se i servizi di vendita di musica online legale sostenuti dalle case discografiche incontreranno il successo del pubblico, facendo diminuire la pirateria, le azioni legali potrebbero infatti rivelarsi inutili, ha precisato Yeates.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.