RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Le aziende lamentano intoppi di Microsoft per il rilascio dei protocolli di comunicazione

24 Ottobre 2002

Le aziende lamentano intoppi di Microsoft per il rilascio dei protocolli di comunicazione

di

Le aziende concorrenti di Microsoft ripartono alla carica. Questa volta sotto accusa sono i contrattempi messi in atto dall’azienda di Bill Gates per la divulgazione di dati tecnici.

Facciamo un passo indietro, per chi non ricorda.
Microsoft aveva siglato con il governo americano e nove Stati federali, un accordo.
In questo accordo era compresa la divulgazione da parte dell’azienda dei protocolli di comunicazione utilizzati dai software per trasferire l’informazione, sia tra i software Microsoft, sia tra questi e i programmi concorrenti.

Una presa di posizione, quella della concorrenza, che arriva a ridosso della decisione del giudice proprio sulla validità dell’accordo amichevole.

Senza questi protocolli, infatti, i programmi concorrenti non funzioneranno mai bene come quelli della casa che girano sotto Windows. Se poi si tiene conto che Windows equipaggia il 90 % dei personal computer del pianeta, si può capire come diventi cruciale la questione per i concorrenti di Microsoft.

Le aziende lamentano di dover sottostare a un giogo da parte della Microsoft. Per poter accedere, devono utilizzare il sistema Passport, chiedere e riempire due questionari (uno serve per la non divulgazione) e alla fine hanno solo i termini della licenza d’uso.

Le aziende fanno appello alla norma inserita nell’accordo amichevole che parla esplicitamente di distribuzione dei protocolli e informazioni “a condizioni ragionevoli e non discriminatorie”.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.