Home
L’Autorità per l’informatica nella Pubblica Amministrazione sarà sostituita dall’Agenzia nazionale per l’Innovazione tecnologica

27 Maggio 2002

L’Autorità per l’informatica nella Pubblica Amministrazione sarà sostituita dall’Agenzia nazionale per l’Innovazione tecnologica

di

Il Consiglio dei ministri ha recentemente approvato un d.p.r. che prevede la soppressione dell'Aipa e del Centro Tecnico e l'istituzione dell'Agenzia nazionale per l'Innovazione tecnologica, che opererà sotto la vigilanza del ministro per l'Innovazione e le Tecnologie.

Con un comunicato stampa, il ministro per l’Innovazione e le Tecnologie ha annunciato che il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato, in via preliminare, il d.p.r. che istituisce l’Agenzia nazionale per l’Innovazione tecnologica, che avrà il compito di sostenere e promuovere il processo d’innovazione della pubblica amministrazione attraverso l’uso delle nuove tecnologie.

Il provvedimento prevede la soppressione dell’Aipa (Autorità per l’informatica nella Pubblica Amministrazione) e del Centro Tecnico e l’accorpamento delle loro competenze all’interno della nuova Agenzia, al fine – ha dichiarato il ministro – di “rispondere ad una esigenza di razionalizzazione degli assetti organizzativi dell’informatica pubblica, esigenza diventata ancora più impellente dopo la nascita del Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie”.

L’Agenzia nazionale per l’Innovazione e le Tecnologie sarà guidata da un direttore generale nominato dal Presidente del Consiglio su proposta del ministro per l’Innovazione e le Tecnologie e opererà sotto la vigilanza di quest’ultimo.

Le 150 unità che attualmente compongono l’organico dell’Aipa e del Centro Tecnico transiteranno nell’Agenzia, “nel pieno rispetto di tutte le professionalità”.

La decisione dell’esecutivo di sopprimere l’Aipa nonostante i risultati positivi della sua attività – tra i quali si possono ricordare la creazione della RUPA (Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione) e l’impegno costante per il completamento del processo di introduzione della firma digitale – fa sorgere il legittimo sospetto che l’intervento abbia una connotazione puramente politica.

L’Aipa è, infatti, una autorità indipendente, dotata cioè di autonomia tecnico-funzionale e di indipendenza di giudizio, in assenza di ingerenze da parte del governo, i cui componenti sono scelti tra persone di elevata professionalità e di indiscussa moralità e indipendenza.

Il nuovo assetto prevede, invece, che l’Agenzia rivesta un ruolo tecnico organizzativo, mentre il ministro per l’Innovazione e le Tecnologie avrà il compito di dare l’indirizzo politico e il Dipartimento si occuperà della pianificazione degli interventi.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.