FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
L’auto si cerca online, ma si compra dal concessionario

08 Ottobre 2001

L’auto si cerca online, ma si compra dal concessionario

di

Lentamente, ma inesorabilmente, gli acquirenti di automobili si rivolgono alla Rete per trovare l’automobile che più li soddisfa.
Per ora non l’acquistano online (la proporzione con gli acquisti dal concessionario è ancora molto bassa), ma sul Web fanno le loro ricerche e trovano le informazioni.

Questo è il sunto dello studio compiuto da Cap gemini Ernst and Young.

Internet è definita una sorgente importante di informazioni sulle caratteristiche tecniche e i prezzi delle vetture dal 38 % dei consumatori interpellati, rispetto al 27 % di un anno fa.

Gli acquisti online, come scrivevamo nella premessa, restano ancora bassi e rappresentano il 3 % delle vendite negli USA (circa 400 mila veicoli, contro l’1,6 % del 2000), l’1,6 % contro lo 0,7 % in Germania e l’1,1 % contro lo 0,1 % in Gran Bretagna.

In crescita, dunque, ma non ancora una fetta importante del mercato.

Esiste, poi, una grande disparità tra i diversi paesi presi in considerazione.
Ad esempio, i giapponesi più propensi a utilizzare Internet hanno una percentuale nettamente superiore di ricerche fatte online prima di acquistare l’automobile rispetto ai francesi (36,5 %, contro il 2 %).

E, di conseguenza, è anche diverso il peso che ha Internet sull’acquisto: il 5,4 % dei giapponesi acquista l’auto online, contro uno 0,2 % dei francesi.

Tra i costruttori di automobili, il 79 % pensa che Internet sia un’opportunità (molti hanno tentato, con alterne fortune, di vendere i loro prodotti online, magari con campagne mirate con prodotti di nicchia)

È tra i concessionari che il Web viene visto come fumo negli occhi: il 63 % vede Internet come una minaccia e solo il 37 % come un’opportunità.

Il risultato tra le due visioni concorrenti (tra costruttori e concessionari) è riassunto nelle parole dello studio: “Negli ultimi 12 mesi, praticamente tutti i costruttori hanno fatto grossi sforzi su Internet, ma il nostro studio rivela un’inquietante mancanza di coordinamento tra i costruttori e i concessionari, che potrebbe impedire lo sviluppo di questo mercato”.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.