Home
L’auto al centro delle tecnologie mobili

22 Marzo 2002

L’auto al centro delle tecnologie mobili

di

Infomobility: dalla sicurezza della guida all'intrattenimento in auto, dal supporto per l'attività professionale ai servizi informativi, la macchina diventa il luogo maggiormente studiato per applicarvi nuove tecnologie, telematica e wireless

Non c’è in realtà molto da stupirsi per la grandissima attenzione che il mondo delle tecnologie mobili di comunicazione sta dedicando all’industria dell’automobile e della mobilità: i termini stessi sono già più che eloquenti sulla contiguità dei due campi.

Il settore dell’infomobility, soprattutto in termini di Ricerca & Sviluppo, si sta espandendo moltissimo, trovando certamente maggiore fortuna della domotica, cioè l’applicazione delle tecnologie elettroniche e di automazione agli ambienti e agli oggetti domestici.
Nel settore dell’auto la ricerca in campo elettronico è già consolidata da anni e ha già fornito importantissime innovazioni ai nuovi modelli. Con le nuove tecnologie di comunicazione si sono affermati nuovi campi di applicazione soprattutto legati alle possibilità di comunicazione dell’ambiente auto con l’esterno e con il conducente.

L’infomobility infatti non riguarda soltanto l’applicazione di servizi telematici per fornire informazioni e contenuti al conducente, ma anche l’ingegnerizzazione della mobilità urbana ed extra-urbana. Per questa ragione sono interessati a questo settore molti soggetti diversi: dagli operatori di telecomunicazioni ai content provider, dai produttori di auto ai produttori informatici, dai Comuni alle società autostradali e di trasporto pubblico. Le tecnologie adottate sono ovviamente altrettanto varie.

La società di ricerca In-Stat/MDR ha appena pubblicato uno studio intitolato “Bringing Internet Content to the Vehicle via Telematics Services” secondo cui presto le auto avranno tutte qualche forma di servizio Internet nell’auto, ma la crescita di queste tecnologie sarà in realtà lenta e ancora per molti anni riservata a un mercato elitario. Secondo Roland Berger & Partners il 40% degli europei nei prossimi tre anni definirà l’acquisto della nuova auto anche in base alla presenza di funzioni telematiche.

Le applicazioni possibili, come abbiamo detto, sono di vario genere e alcune sono già più che collaudate. Per esempio il Telepass e i navigatori satellitari. Esistono sistemi di informazione al viaggiatore – normalmente tramite tecnologia gps -, sistemi per la gestione del trasporto pubblico urbano (in grado di dare informazioni aggiornate all’utenza sui tempi di attesa), sistemi per la gestione della mobilità urbana del traffico extra-urbano. Anche la sicurezza è al centro delle ricerche in questo settore e in particolare il controllo automatico del veicolo per reagire (tramite tecnologia radar) agli ostacoli presenti sulla strada o a situazioni di pericolo. La tecnologia satellitare è anche utilizzata per sofisticati sistemi antifurto.

Ma l’automobile, nella visione di molte aziende del settore, si trasformerà addirittura in un ufficio viaggiante in cui sarà possibile mandare e-mail, navigare in Internet, usare il telefono senza distrarsi dalla guida tramite le tecnologie di riconoscimento e sintesi vocale. Anche le operazioni bancarie e finanziare potranno essere gestite nello stesso modo. E i passeggeri, come distrarli? Consolle multimediali, lettori Dvd e Vhs, Internet, videogames.

A elevare questa visione alla massima potenza ci ha pensato MobilAria, una start up della Silicon Valley impegnata nel progetto “True Hands Free” che utilizza un’interfaccia vocale per collegare l’utente direttamente al telefonino e ad Internet.

Ma sono molti altri, impossibile elencarli tutti, i soggetti che in questi anni stanno investendo in questo campo. Vediamo alcuni nomi importanti. Bluetooth ha attivato uno Special Interest Group dedicato all’infomobility con l’obiettivo di estendere la tecnologia Bluetooth anche all’industria dell’auto. AT&T Wireless ha recentemente annunciato un accordo con Daimler Chrysler e altre case automobilistiche per lavorare sulla telematica a bordo. Sony descrive l’automotive come uno dei principali orizzonti strategici per il futuro dopo la casa e l’ufficio. Cos’ afferma Don Courvisier, Vice Presidente e General Manager di Sony Automotive Entertainment Solutions. Ford, PSA Peugeot Citroën e Renault-Nissan, già tutte singolarmente impegnate in alleanze strategiche con società come Vodafone e Motorola, hanno in questi giorni annunciato una joint venture per lo sviluppo di soluzioni telematiche per il mercato europeo.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.