Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
L’agenzia Reuters accusata di pirateria informatica

20 Novembre 2002

L’agenzia Reuters accusata di pirateria informatica

di

La nota agenzia di stampa Reuters è stata citata in giudizio dalla società svedese Intentia, con l'accusa di aver pubblicato i dati relativi al bilancio trimestrale della società, prima che fossero resi disponibili al pubblico sul sito Internet di Intentia

La società svedese Intentia, operante nel settore della new economy, ha recentemente intentato un’azione penale contro l’agenzia di stampa Reuters, accusandola di pirateria informatica, per essersi introdotta abusivamente nel suo sistema informatico per carpire informazioni riservate.

La Reuters, infatti, aveva pubblicato, circa mezz’ora prima dell’annuncio ufficiale, i dati concernenti il bilancio trimestrale di Intentia.

Questi dati, secondo quanto sostiene la società svedese, pur essendo già stati inseriti online, non potevano essere considerati come documenti pubblici, in quanto non erano ancora stati collegati alle altre pagine del sito di Intentia ed erano raggiungibili soltanto conoscendo l’indirizzo esatto del documento.

La società Intentia sostiene che il comportamento della Reuters deve essere considerato alla stregua di un accesso fraudolento al suo data base, perché la presenza online del documento non lo rendeva automaticamente accessibile al pubblico.

Al contrario, la Reuters si difende affermando che esistono degli opportuni sistemi tecnici per rendere inaccessibile un documento e che, in assenza dell’utilizzo di queste tecniche, il bilancio trimestrale di Intentia era liberamente accessibile.

I giudici svedesi dovranno, quindi, stabilire qual è, su Internet, il limite oltre il quale un documento può considerarsi pubblico.

La giurisprudenza in materia non è univoca.
In Francia, per esempio, nel 1997, il Tribunal de grande instance di Parigi ha assolto un internauta accusato di essere entrato in possesso di dati conservati su un server interno, attribuendo la responsabilità all’amministratore del server che non aveva adottato tutte le misure idonee a impedire l’accesso ai documenti riservati.

Nel 2002, invece, il Tribunal correctionnel di Parigi, con una sentenza poi annullata in appello, in presenza di un caso simile a quello giudicato dal Tribunale, ha emesso una pronuncia di condanna.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.