Home
La UE si preoccupa del gaming violento

28 Aprile 2008

La UE si preoccupa del gaming violento

di

La Commissione Europea vuole armonizzare la classificazione europea dei videogiochi

La Commissione Europea ha deciso di far fronte al problema dei videogiochi violenti. L’obiettivo è quello di migliorare il sistema di classificazione dei prodotti videoludici in base ai contenuti, senza comunque far pagare dazio al mercato e rischiare di giungere a vere e proprie censure.

In base a una recente analisi dei mercati dei 27 stati membri, è stata rilevata una totale difformità di normative: in Romania il settore non è neanche calcolato, mentre ad esempio nel Regno Unito il controllo è capillare.

Il sistema di classificazione Pan European Game Information (PEGI), sostenuto dalla stessa industria, è stato adottato da 20 stati membri ma forse non è ancora sufficiente. «Il PEGI, in quanto esempio di autoregolamentazione responsabile dell’industria e unico sistema di questo genere con ambito di applicazione quasi paneuropeo, rappresenta certamente un ottimo primo passo», sostiene Viviane Reding, commissario UE responsabile per la Società dell’informazione e i media. «Ritengo che possa essere notevolmente migliorata, in Europa e altrove, sensibilizzando maggiormente il pubblico alla sua esistenza e dando piena attuazione a PEGI Online».

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.